27 gennaio: il giorno della memoria

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il 27 gennaio 1945, vengono aperti i cancelli di Auschwitz e liberati i pochi sopravvissuti. Ricordare è solo la premessa affinché quanto è accaduto possa non accadere ancora. Dobbiamo imparare a pensare alla diversità come un immenso valore. L'incontro con l'altro è sempre un confronto, mai una discriminazione.

Il 27 gennaio 1945, vengono aperti i cancelli di Auschwitz e liberati i pochi sopravvissuti. Milioni di uomini, donne e bambini ebrei, zingari, omosessuali e disabili furono sfruttati e sottoposti ad ogni tipo di tortura.

Il 27 gennaio ci ricorda che l’umanità è capace di generare il male, l’odio, le tenebre.

Ricordare è un obbligo ma non può essere fine a se stesso. Non possiamo farlo solo in questo giorno.

Ricordare è solo la premessa affinché quanto è accaduto possa non accadere ancora.

Dobbiamo imparare a pensare alla diversità come un immenso valore. L’incontro con l’altro è sempre un confronto, mai una discriminazione.

La diversità è cultura, ricchezza, scambio, crescita.

Ricordiamocene e comportiamoci di conseguenza. Non solo oggi!

ethicMe è anche su Facebook e su Twitter

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook