In Ucraina campionati di calcio sospesi e niente finale di Champions a San Pietroburgo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Poche ore dopo l'invasione delle truppe russe nel territorio ucraino, il massimo organo sportivo europeo ha già preso la decisione di non disputare la finale di Champions League a San Pietroburgo

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

La Uefa avrebbe dichiarato la volontà di spostare la finale di Champions League in programma a San Pietroburgo. Domani, venerdì 25 febbraio, si terrà una riunione straordinaria del Comitato esecutivo della Uefa per discutere della crisi e valutare il da farsi.

Lo svela l’Associated Press: si tratta di una decisione presa dopo una precisa richiesta dell’Unione Europea che verrà ratificata domani, nel corso del Comitato Esecutivo straordinario convocato per le ore 10.

Nei giorni scorsi i media britannici avevano rilanciato l’idea che l’atto finale della Champions potesse giocarsi a Londra, a Wembley. Poi era arrivata la smentita della Uefa che però, preso atto dell’inizio dell’intervento russo in Ucraina, ha cominciato a cambiare opinione.

A rischio anche Russia-Polonia che si giocherà il 24 marzo a Mosca, partita dei playoff per i Mondiali di Qatar 2022.

QUI tutti gli aggiornamenti della guerra in Ucraina.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Associated Press

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook