Celiachia: se noti questi sintomi atipici nel tuo bambino potrebbero essere un campanello d’allarme da non sottovalutare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ci sono dei sintomi atipici della celiachia che possono comparire nei bambini dopo i due anni. Scopriamo insieme quali sono.

La celiachia è una malattia autoimmune dell’intestino tenue che può colpire ogni fascia di età, inclusi i bambini. È caratterizzata da una reazione del corpo alla gliadina, una proteina contenuta nel glutine, che è presente nel grano e in altri cereali, come orzo, farro e segale. L’esposizione dell’organismo alla gliadina porta ad una reazione infiammatoria che provoca a sua volta l’atrofia dei villi intestinali, fenomeno che ostacola l’assorbimento delle sostanze nutritive. Seguire una dieta senza glutine è la cura principale raccomandata alle persone celiache. (Leggi anche: Celiachia: 10 sintomi, veri e propri campanelli d’allarme per riconoscerla (e come diagnosticarla))

La celiachia si sviluppa soprattutto negli individui con una predisposizione genetica, ovvero c’è un’alta probabilità di avere fratelli o genitori con la stessa condizione. Infatti, se la malattia viene diagnosticata ad un adulto o ad un bambino, è necessario che tutti i familiari si sottopongano a dei test per la celiachia. Le cause di questa patologia rimangono comunque note solo in parte.

Vediamo quali sono i sintomi che si verificano nei bambini che potrebbero essere un campanello d’allarme da non sottovalutare.

I sintomi nei bambini

Possono distinguersi forme comuni o atipiche di sintomi della celiachia nei bambini. I sintomi atipici che si verificano nei bambini dai 2 anni in poi sono variabili e legati sia al malassorbimento di qualche nutriente sia all’iperattività del sistema immunitario. Eccoli di seguito elencati:

  • bassa statura,
  • magrezza (o obesità anche se meno frequentemente),
  • anemie da carenza di ferro o di vitamina B12 e folato,
  • trombocitosi o trombocitopenia (alto o basso numero di piastrine nel sangue),
  • leucopenia (basso numero di globuli bianchi nel sangue),
  • senso di debolezza,
  • cefalea,
  • irritabilità,
  • dolori articolari e muscolari,
  • rachitismo,
  • alterazioni dello smalto dentario,
  • afte al cavo orale,
  • infiammazioni ricorrenti di una ghiandola congiuntivale che produce sebo (calazio),
  • alopecia,
  • steatosi epatica (può anche manifestarsi con un aumento isolato delle transaminasi),
  • pancreatite ricorrente,
  • dermatite erpetiforme,
  • orticaria,
  • disturbi del linguaggio,
  • disturbi aspecifici dell’apprendimento, con conseguenti difficoltà scolastiche,
  • ritardo puberale,
  • amenorree primarie e secondarie.

A volte la celiachia si manifesta insieme ad altre malattie autoimmuni: epatite autoimmune, tiroidite autoimmune, psoriasi, diabete mellito, malattie renali e neurologiche su base autoimmune.

I sintomi più comuni che invece si mostrano nei primi 2 anni di vita sono:

  • scarso appetito,
  • diarrea cronica con feci schiumose giallastre o stipsi,
  • vomito,
  • dolore addominale,
  • importante meteorismo intestinale,
  • pallore cutaneo,
  • apatia,
  • calo ponderale,
  • arresto della crescita.

La celiachia viene diagnosticata attraverso le analisi del sangue (è importante però continuare a mangiare alimenti che contengono glutine prima di effettuare le analisi), la gastroscopia con biopsia (che serve per controllare se i villi intestinali sono danneggiati) e la biopsia della pelle (che viene effettuata quando si sospetta una dermatite erpetiforme, cioè un sintomo della celiachia che si manifesta sotto forma di eruzione cutanea).

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Sulla celiachia ti potrebbero interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando di Organizzazione e marketing per la comunicazione d'impresa all'Università La Sapienza, appassionato del web e delle dinamiche del mondo digitale.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook