©Fudan University

Ora sappiamo cosa sono le palle gelatinose avvistate in Norvegia, risolto il mistero dopo 36 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ci sono voluti 36 anni per capire cosa fossero i misteriosi “blob gelatinosi” avvistati in Norvegia – nient’altro che embrioni di totano

Ci sono voluti ben 36 anni per capire finalmente cosa fossero i misteriosi “blob gelatinosi” che galleggiano al largo delle coste norvegesi. Avvistati in varie aree dell’Oceano Atlantico, dal Nord Europa fino alle coste del Mar Mediterraneo, quelle “palle di gelatina” sono in realtà sacche contenenti gli embrioni di una particolare specie di totano – Illex coindetii.

In totale sono 90 le sfere gelatinose (dette “blob”) che sono state segnalate fra il 1985 e il 2019 nell’Oceano Atlantico (Scandinavia e Mar Mediterraneo) da semplici curiosi e appassionati del mondo marino. Queste hanno dimensioni variabili e possono raggiungere fino a un metro di diametro. Più del 50% dei blob avvistati presentava una striatura più scura al centro. Sono stati avvistati fino a 60-70 metri di profondità, a una temperatura compresa fra gli 8 e i 24°C. Finora gli scienziati non sono stati in grado di capire bene cosa fossero – e questo perché mancavano campioni di tessuto che permettessero analisi laboratoriali più precise.

blob gelatinoso

La diffusione dei “blob gelatinosi” in base alle segnalazioni (©Fudan University)

L’incredibile scoperta del ruolo di questi blob nell’oceano non sarebbe stata possibile senza l’aiuto di volontari e sommozzatori amatoriali che hanno dedicato tempo ed energie alla ricerca degli ammassi gelatinosi e alla raccolta dei campioni di materiale da analizzare. Negli ultimi anni infatti sono stati pubblicati articoli su giornali famosi e cartelli pubblicitari per invitare i volontari a osservare questo fenomeno e per ottenere quante più osservazioni possibili dei blob, nonché per sollecitare alla raccolta di materiale organico per l’identificazione molecolare. Gli scienziati si sono serviti anche di pagine Facebook e dell’intervento di club di sommozzatori in vari paesi europei che affacciano sul Mediterraneo.

blob gelatinosi

Le incredibili immagini dei “blob” (©Fudan University)

Finalmente, nel giugno 2019, due sommozzatori norvegesi si sono imbattuti in un enorme blob che fluttuava a 43 metri di profondità e sono riusciti a raccogliere con una bottiglietta di plastica un campione del misterioso materiale. Su questo è stata effettuata un’analisi di DNA che ha rivelato che si tratta di embrioni di un particolare tipo di totano chiamato Illex coindetii. Embrioni di questo animale in diverse fasi del loro sviluppo sono stati trovati in queste sacche gelatinose – da quelli appena fecondati fino a quelli più sviluppati.

Fonte: Scientific Reports

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

eBay

I migliori accessori da avere se usi il monopattino elettrico

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook