Quanto è accurata Wikipedia? Più di quel che immagini secondo questi studi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quante volte ti è capitato di consultare Wikipedia per avere informazioni o approfondire la tua conoscenza su un argomento? Ma sei sicuro che sia accurata e veritiera? Ecco cosa dice la ricerca

Dalla scuola media all’università, gli studenti di tutto il mondo usano Wikipedia come risorsa. Ma è effettivamente accurata? O meglio, quanto è precisa Wikipedia?

Facciamo luce e chiarezza, analizzando i dati di diverse ricerche che si sono interrogate su quanto le informazioni presenti su questa enciclopedia open source siano corrette.

Leggi anche: Accettare o negare i cookies? Tutto quello che c’è da sapere prima di premere “Accetta”

Wikipedia è accurata? Gli studi

Sia la benedizione sia la maledizione di Wikipedia è che tutti possono modificarla: ciò significa che è possibile scrivere e gestire un’enorme quantità di articoli grazie alle innumerevoli ore di lavoro impiegate da migliaia di persone, ma significa anche che le informazioni imprecise possono facilmente intrufolarsi negli articoli poiché migliaia di persone possono modificarle.

Tuttavia, c’è da dire che Wikipedia può essere modificata da chiunque in qualsiasi momento, ma ci sono anche editori che tengono d’occhio le cose, e nel tempo Wikipedia ha sviluppato un sistema notevolmente efficiente, dato il gran numero di volontari e il basso numero di redattori.

Nel 2014, un gruppo di ricercatori tedeschi ha deciso di testare e vedere quanto è accurata Wikipedia, partendo dalla versione inglese che è di gran lunga la più grande e attiva.

I ricercatori hanno analizzato articoli sulle droghe, traendo ogni informazione rilevante, nonché riferimenti, cronologia delle revisioni e leggibilità.

La loro conclusione è che l’accuratezza delle informazioni sui farmaci su Wikipedia era del 99,7% ± 0,2% rispetto ai dati dei libri di testo. Tuttavia, anche se gli articoli erano molto accurati, non erano del tutto completi poiché non trattavano gli argomenti in modo esaustivo.

Quindi, per i ricercatori i risultati sono valutati come molto accurati, ma non sempre completi. In sostanza, Wikipedia è un buon posto per ottenere informazioni accurate (almeno su un particolare argomento), ma non un buon posto per ottenere l’intera informazione.

C’è da dire anche dalle informazioni sui farmaci mancanti in Wikipedia, il 62,5% è stato valutato come didatticamente non rilevante in uno studio di rivalutazione qualitativa.

Questo è fondamentale, soprattutto in aree che cambiano molto, come la farmacologia. Il fatto di avere questa enorme risorsa da cui attingere enormi quantità di informazioni è notevole.

Il fatto che sia open source, senza pubblicità, guidato dalla comunità e che riesca comunque ad avere una precisione quasi perfetta è semplicemente sorprendente. Tuttavia, lo studio ha esaminato solo le droghe, che potrebbero non essere rappresentative dell’intera Wikipedia.

Un altro studio del 2005, questa volta pubblicato su Nature, ha confrontato l’accuratezza di un piccolo numero di articoli (42) su argomenti scientifici facendo un confrontro tra Wikipedia ed Encyclopaedia Britannica (che è considerata più accurata).

Wikipedia aveva 4 errori o omissioni, mentre Britannica ne aveva 3; Wikipedia aveva 4 errori gravi, gli stessi della Britannica. Tutto sommato, lo studio ha concluso che Wikipedia si avvicina alla Britannica in termini di accuratezza delle voci scientifiche, anche se gli articoli su Wikipedia sono risultati mal strutturati.

Un altro importante studio condotto nel 2014, ha osservato che a causa della sua completezza e poiché ci sono grandi differenze tra pagine popolari e pagine meno popolari (e allo stesso modo differenze tra lingue), è difficile trarre conclusioni definitive su quanto sia accurata questa enciclopedia online.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube 

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook