I ricercatori hanno trovato una connessione tra l’ossitocina e la tua pagina Instagram

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo studio ha individuato come l’ossitocina potrebbe influenzare il nostro modo di socializzare online

La ricetta del porridge senza cottura

Un nuovo studio ha individuato come l’ossitocina potrebbe influenzare il nostro modo di socializzare online

I ricercatori hanno scoperto che le persone con una variante specifica del gene del recettore dell’ossitocina OXTR seguono più persone su Instagram. Tuttavia, non è stata trovata alcuna prova che suggerisca che le interazioni gene-ambiente influenzino la socialità online.

Lo studio

Un piccolo studio condotto su studenti universitari ha scoperto che gli individui con una variante specifica nel gene del recettore dell’ossitocina OXTR seguono più persone su Instagram. I risultati attuali dovrebbero essere interpretati con grande cautela, poiché questa è una piccola indagine iniziale del fenomeno e sono, quindi, necessari altri studi su un campione molto più ampio.

L’ossitocina, che è stata soprannominata l’ormone dell’amore, è un neuropeptide che svolge un ruolo cruciale nelle abilità sociali nei mammiferi. È stato dimostrato che varianti genetiche chiamate polimorfismi a singolo nucleotide (SNP) all’interno di OXTR predicono il comportamento e l’attaccamento genitoriali.

Ricerche precedenti avevano anche dimostrato che le persone con l’allele G dell’OXTR SNP rs53576 cercano più supporto sociale in ambienti ostili, rispetto agli individui con l’allele A. Inoltre, gli individui con il genotipo GG riferiscono di avere una maggiore empatia e soddisfazione coniugale, rispetto ai portatori di alleli A. Ma c’è stata relativamente poca ricerca sulle interazioni gene-ambiente nel contesto del comportamento sociale online.

I ricercatori hanno studiato se OXTR interagisce con un fattore ambientale, l’attaccamento degli adulti, per influenzare il comportamento su Instagram. Allo studio hanno partecipato un totale di 57 studenti iscritti alla Nanyang Technological University di Singapore. Tutti avevano un’età compresa tra i 18 ei 25 anni, 16 erano maschi e nessuno aveva figli o una storia di disturbi psichiatrici, neurologici o genetici. Hanno fornito campioni di DNA e completato un questionario online che ha valutato il loro comportamento ansioso e la mania a evitare relazioni strette con i partner.

I ricercatori hanno utilizzato i campioni di DNA per genotipizzare gli SNP OXTR rs53576 e rs2254298. Hanno anche esaminato i profili Instagram dei partecipanti, incluso il numero di post, follower e persone seguite; contrariamente alle loro aspettative, non ci sono state interazioni gene-ambiente significative. Quindi, gli individui con il genotipo AA hanno seguito più persone dei portatori di allele G, indipendentemente dalla qualità delle loro relazioni intime. Secondo i ricercatori, il genotipo AA potrebbe rendere gli individui più inclini ad essere socievoli online.

I risultati attuali sono ancora pochi, ma potrebbero ispirare la ricerca futura per capire come la socialità e il modo di interagire online delle persone possa dipendere da fattori genetici.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: CellPress

Ti potrebbe interessare:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook