Un’antica pietra della Namibia potrebbe contenere la chiave per sbloccare i computer quantistici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una sottilissima lastra di ossido rameoso, proveniente dalla Namibia, potrebbe essere l'anello mancante per la creazione di simulatori quantistici in grado di rispondere a interrogativi finora irrisolti

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Università di St Andrews, nel Regno Unito, la chiave per “sbloccare” i nuovi computer quantistici basati sulla luce potrebbe essere nascosta in un’antica pietra preziosa costituita da ossido rameoso (Cu2O), estratta in Namibia.

Essa potrebbe essere sfruttata per produrre polaroni di Rydberg – grandi particelle ibride di luce e materia. Sappiamo che i polaroni di Rydberg rappresentano uno stato della materia estremamente raro, che si manifesta solo a temperature molto basse: in questo stato, un atomo di grosse dimensioni (detto atomo di Rydberg) contiene al suo interno altri atomi ordinari.

I polaroni di Rydberg sono in grado di passare continuamente dalla luce alla materia e viceversa. In questi “super-atomi” luce e materia sono come due facce di una stessa medaglia; più polaroni interagiscono fra loro attraverso la componente materica e tale interazione è fondamentale, poiché è ciò che permette di creare quelli che vengono definiti simulatori quantistici.

Un simulatore quantistico è uno speciale tipo di computer quantistico in grado di raccogliere informazioni e memorizzarle in bit quantistici. Diversamente dai bit binari (quelli alla base del funzionamento di tutti i normali computer), che possono essere o 0 o 1, i bit quantistici possono assumere infiniti valori compresi fra 0 e 1.

Ciò si traduce in una maggiore capacità di memorizzazione delle informazioni e nella possibilità di eseguire processi diversi contemporaneamente. Un vantaggio incredibile, che potrebbe portare alla risoluzione di importanti misteri della fisica, della chimica e della biologia – uno per tutto, la realizzazione di super-conduttori ad alta temperatura per i treni ad alta velocità.

Realizzare un simulatore quantistico con la luce è il Santo Graal della scienza – ha affermato Il capo del progetto, il professor Hamid Ohadi. – Abbiamo fatto un enorme passo avanti in questo senso creando i polaroni di Rydberg, l’anello mancante che stavamo cercando.

Per la creazione di questi polaroni, i ricercatori inglesi hanno intrappolato la luce fra due specchi altamente riflettenti, in mezzo ai quali è stata posta una sottilissima lastra di ossido rameoso proveniente dalla Namibia, spessa appena 30 micrometri. La presenza della pietra fra i due specchi ha permesso di creare, per la prima volta nella storia della fisica quantistica, polaroni Rydberg 100 volte più grandi di quelli finora creati.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: Nature Materials / University of St. Andrews

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook