Obsolescenza programmata, l’Ue annuncia un nuovo piano per fermarla: “Basta cambiare cellulare ogni 3 anni”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Stop con gli smartphone che si rompono nel giro di 3 anni! L'Unione europea scende in campo contro il fenomeno dell'obsolescenza programmata. Il piano della Commissione Ue dovrebbe essere messo a punto dopo l'estate

L’Unione europea è pronta a portare avanti una vera e propria battaglia contro l’obsolescenza programmata. L’annuncio è arrivato un paio di giorni fa, nella stessa giornata in cui è stato raggiunto raggiunto l’accordo per l’introduzione di un caricabatterie universale per tutti i telefoni cellulari, tablet e fotocamere digitali. Dopo l’estate, la Commissione europea ha deciso di presentare una proposta di direttiva per contrastare l’obsolescenza programmata dei dispositivi elettronici, questione dibattuta da diversi anni.

A comunicarlo è stato il il commissario europeo per il Mercato interno, Thierry Breton, nel corso della conferenza stampa al Parlamento Ue.

“Stiamo lavorando all’eco-design per prevenire l’obsolescenza programmata di smartphone e tablet. Alcune aziende vorrebbero che cambiassimo il nostro smartphone ogni tre anni, le comprendiamo, ma questo non è il punto di vista dei consumatori e nemmeno il nostro, in termini di rispetto dell’ambiente” ha dichiarato Breton.

La Commissione Ue sta studiando delle misure che riguarderanno “l’affidabilità, la facilità di smontaggio, incentivi alla riparazione, l’accesso a pezzi di ricambio critici e l’aumento del riciclo”.

Un importante strumento per ridurre la produzione dei rifiuti elettronici

Le aziende saranno obbligate a informare gli acquirenti della riparabilità e durevolezza dei prodotti che gli vendono. Di questo tema si discute già da parecchio tempo.

Proprio la scorsa estate i Verdi Europei avevano lanciato una petizione per l’introduzione di un indice di riparabilità per prevenire la produzione di rifiuti elettronici: si tratta di un vero e proprio indicatore, presente nell’etichetta di dispositivi come i cellulari, che permette di sapere ancor prima dell’acquisto se l’oggetto che si sta per comprare è facile ed economico da riparare oppure no. Questo sistema è stato già adottato da Paesi come la Francia.

Il nuovo piano contro l’obsolescenza programmata rappresenterebbe un enorme passo avanti per combattere la valanga di rifiuti elettronici, che ha un impatto ambientale devastante. Sul territorio europeo infatti si ricicla meno del 40% dei dispositivi come tablet e cellulari, mentre il resto va a finire nell’indifferenziato.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Commissione Ue

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook