Telefonia: basta contratti con vincoli per più di 30 mesi, scatta da oggi il nuovo Codice

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oggi entra in vigore il nuovo Codice delle comunicazioni elettroniche, ecco cosa cambierà per i contratti telefonici e gli utenti

La notizia è passata un po’ in sordina, ma da oggi – 24 dicembre – entra in vigore in Italia il nuovo Codice delle comunicazioni elettroniche, che porterà ad un cambio di scenario nel rapporto tra utenti e fornitori di servizi. Toccherà all’AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) vigilare sul rispetto delle nuove regole.

Una delle novità più importanti riguarda la durata dei contratti di telefonia, che potranno durare fino a un massimo di 24 mesi. Ma non è l’unica misura che servirà a tutelare maggiormente i consumatori. Scopriamo nel dettaglio cosa cambierà.

Leggi anche: Tim condannata a rimborsare gli utenti per la fatturazione a 28 giorni

Durata massima dei contratti fissata a 24 mesi

A seguito dell’approvazione del Codice delle comunicazioni elettroniche, ogni contratto – comprese le rate di apparati – dovrà durare massimo 24 mesi “con l’obbligo di prevedere che tra le offerte commerciali almeno una abbia una durata massima iniziale di 12 mesi”. Basta, quindi, con i contratti lunghi dalla durata di 30 o addirittura 48 mesi mesi. 

È prevista un’unica eccezione: “il contratto a rate se il consumatore ha convenuto in un contratto separato di rateizzare i pagamenti esclusivamente per l’installazione di una connessione fisica, in particolare a reti ad altissima capacità”.

Come si legge nel testo del codice, però, “un contratto a rate per l’installazione di una connessione fisica non include l’apparecchiatura terminale, a esempio router o modem, e non impedisce ai consumatori di esercitare i loro diritti”.

Più trasparenza su rinnovi, tariffe nuove e modalità di recesso più semplici

Adesso i fornitori dei servizi dovranno informare l’utente finale con almeno due mesi di anticipo rispetto alla proroga automatica del contratto, “in modo chiaro e tempestivo e su un supporto durevole” sia sulle modalità di recesso dal contratto che sulle migliori tariffe relative ai loro servizi. 

Inoltre, i fornitori saranno tenuti a comunicare agli utenti informazioni su qualsiasi modifica delle condizioni contrattuali e relative al loro diritto recedere dal contratto senza incorrere in alcuna penale né in ulteriori costo di disattivazione (se non accettano le nuove condizioni). Ciò dovrà avvenire con preavviso non inferiore a trenta giorni. 

Adesso il diritto di recedere dal contratto può essere esercitato entro sessanta giorni (non più entro 30) dall’avvenuta comunicazione di modifica delle condizioni contrattuali.

Sanzioni più salate 

Il nuovo Codice delle comunicazioni elettroniche prevede anche sanzioni più elevate per chi non rispetta le regole entrate in vigore. 

Ai soggetti che non ottemperano agli ordini e alle diffide, impartiti ai sensi del presente decreto dal Ministero o
dall’Autorità, gli stessi, secondo le rispettive competenze, irrogano una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 240.000,00 a
euro 5.000.000,00, – si legge nel testo – ordinando altresì all’operatore il rimborso delle eventuali somme ingiustificatamente addebitate agli utenti, indicando il termine entro cui adempiere, in ogni caso non inferiore a trenta giorni.

Leggi anche: Maxi-multa dell’Agcom per Tim e WindTre: non informavano gli utenti sulle offerte attive

Maggiori tutele per i consumatori 

Infine, per riguarda la tutela dei consumatori, il Codice impone ai fornitori di servizi l’obbligo di offrire agli utenti una sintesi contrattuale concisa, di agevole lettura e gratuita, contenente le informazioni principali sui termini del contratto e redatta seguendo un formato standard. Pur non sostituendo il contratto vero e proprio, la sintesi avrà un ruolo fondamentale (in quanto il contratto diventa efficace soltanto quando l’utente conferma).

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Gazzetta Ufficiale

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook