Cuocere il pollo nello sciroppo, l’ultima scioccante sfida di TikTok (che ha costretto le autorità a lanciare un appello)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cuocere il petto di pollo irrorandolo con lo sciroppo per la tosse: è l'ultima pericolosa sfida social, attuata da moltissimi ragazzini

TikTok continua a sorprendere (in negativo!) per la quantità di contenuti diseducativi che gli utenti condividono senza alcun controllo e che troppo spesso si trasformano in “fonte di ispirazione” per sfide pericolose. È accaduto ancora, e in questo caso il pericolo per la salute è talmente grave che sull’argomento è intervenuta addirittura la Food and Drug Administration (FDA) con un comunicato ufficiale.

Di cosa si tratta stavolta? Con il titolo di Sleepy Chicken Challenge si sta diffondendo una sfida che consiste nel cuocere il pollo “sfumandolo” con NyQuil, uno sciroppo venduto negli Stati Uniti e usato per alleviare i sintomi di raffreddore e tosse durante il riposo notturno in caso di influenza.

La carne del pollo assume un colore verdastro durante la cottura con lo sciroppo (che è di colore blu). Dopo la preparazione di questo “piatto”, la sfida consiste nel mangiarlo. E sopravvivere. Infatti, come spiegato da FDA, l’ebollizione di un qualsiasi farmaco può renderlo molto più concentrato e modificarne le proprietà in modi imprevedibili.

Leggi anche: Ozempic per dimagrire: il pericoloso trend TikTok che promuove l’uso di un farmaco contro il diabete per perdere peso

Ma non solo: anche se il pollo non viene mangiato, ma si prepara la ricetta al solo scopo di filmarla e partecipare così alla sfida social, basta inalare i fumi che evaporano dalla pentola per causare l’ingresso nell’organismo di livelli elevati di paracetamolo, destrometorfano e doxilamina (principi attivi alla base del medicinale) che potrebbero danneggiare gravemente i polmoni.

Benché la sfida su TikTok sia partita solo recentemente, cuocere il pollo nello sciroppo per la tosse non è un’idea nuova. Già nel 2017, un utente di Twitter aveva condiviso lo scatto di alcuni pezzi di pollo cotti nel NyQuil: in quel caso si trattava di una bravata che non sperava portasse a conseguenze – soprattutto, che non desse avvio a una sfida social.

Il fatto che questo sciroppo sia considerato un farmaco da banco e che non necessiti di prescrizione medica per essere acquistato rende la messa in pratica della sfida molto semplice anche per ragazzini minorenni, che magari possono trovare il farmaco già in casa.

FDA rimanda infatti ai genitori la responsabilità di controllare ciò che i figli adolescenti fanno in casa, per prevenire le pericolose conseguenze di questa come di altre sfide social. Oltre a tenere i medicinali fuori dalla loro portata, è importante parlare con i propri figli e far capire loro quali siano i reali pericoli delle challenge che spopolano sui social network.

Purtroppo, per un like in più o per un po’ di visibilità, i ragazzini si lanciano in queste sfide rischiosissime, senza comprendere che stanno compromettendo (inutilmente) la propria salute – forse in modo irreversibile.

Le ricerche di questo contenuto sono aumentate esponenzialmente dopo la dichiarazione di FDA e la sua conseguente copertura mediatica: molte persone, incuriosite dalla sfida, hanno digitato #SleepyChickenChallenge sulla barra di ricerca di TikTok, continuando ad alimentare il circolo vizioso della diffusione di questo trend.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: FDA

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook