Le 6 migliori app per leggere l’INCI dei cosmetici e una che non funziona più

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Applicazioni per smartphone e tablet che aiutano a leggere le etichette e l'INCI dei cosmetici che compriamo

Ecco il carrello smart per la spesa

Applicazioni gratis per smartphone e tablet che aiutano a leggere le etichette e l’INCI dei cosmetici che compriamo

Volete imparare a leggere l’etichetta dei cosmetici? In vostro aiuto arriva lo smartphone e le app pensate appositamente per decifrare l’INCI. Questo è molto importante per compiere scelte d’acquisto consapevoli e per riconoscere quali siano i prodotti davvero rispettosi dell’ambiente e della nostra pelle.

Grazie alle app potrete comprendere in pochi istanti quali ingredienti evitare e quali prodotti lasciare sullo scaffale.

Ecco alcune app per leggere l’INCI dei cosmetici da scaricare gratis sullo smartphone (Apple o Android). 

EcoBio Control

eco biocontrol

EcoBio Control è stata creata da Fabrizio Zago, noto chimico ideatore del BioDizionario. Vanta un database di sostanze molto ampio (oltre 17.500) e sono stati introdotti anche gli interferenti endocrini e gli allergizzanti.

L’app funziona in maniera molto semplice: inserite il nome della sostanza di cui volete sapere di più e potrete così vedere l’ingrediente classificato con un semaforo colorato di due pallini verdi (ottimo), un pallino verde (molto buono), un pallino giallo (attenzione), un pallino rosso (sostanza con problemi), due pallini rossi (inaccettabile).

Schiacciando il tasto “Scopri di più”, è possibile avere maggiori informazioni e capire il perché di quella classificazione. L’app permette di cercare anche la formula completa di un cosmetico.

Si può scaricare su Play Store.

Inci beauty

inci beauty app

Inci Beauty permette di analizzare la composizione dei prodotti cosmetici semplicemente scansionandone il codice a barre oppure cercando per nome e marca. Se un determinato prodotto non è ancora presente nel database, dopo avere creato un account utente, è possibile aggiungere la foto o la lista degli ingredienti per ricevere poi l’analisi della sua composizione.

L’app permette di trovare alternative più “pulite” rispetto ad un eventuale prodotto con un INCI non accettabile ma anche di escludere una determinata famiglia di ingredienti che non si vuole mai siano presenti nei propri cosmetici.

Ogni componente è valutato in base al suo livello di pericolosità o ai suoi effetti potenzialmente pericolosi per l’ambiente o la salute. Ad ogni ingrediente è stato assegnato un fiore e un colore che va dal verde al rosso.

Potete scaricare Inci Beauty su Play Store o Apple Store.

Ingred

L’app Ingred consente di analizzare l’elenco degli ingredienti non solo di cosmetici ma anche di alimenti scoprendo se contengono sostanze potenzialmente dannose per la salute o per l’ambiente e additivi alimentari. 

Il funzionamento dell’app è molto semplice: basta fare una foto all’etichetta del prodotto di cui si vuole conoscere la composizione e dopo poco comparirà la lista delle sostanze trovate, segnalate con il colore verde, giallo o rosso a seconda che siano più o meno sicure. Cliccando poi sul nome di un ingrediente nello specifico si possono conoscere tutti i dettagli.

Potete scaricare Ingred su Play Store o Apple Store

Cosmetic scan

cosmetic score app

Quest’app scansiona i codici a barre e gli elenchi degli ingredienti dei prodotti cosmetici così da scoprirne la composizione e valutarne l’impatto sulla salute e sull’ambiente. In alternativa si può analizzare un prodotto utilizzando una foto dove sia ben visibile l’INCI. 

Per i prodotti con una valutazione negativa, l’app consiglia alternative simili più “pulite” e più “verdi” acquistabili online. Il database molto ampio comprende 350.000 prodotti venduti in Usa, Regno Unito, Francia, Germania, Paesi Bassi, Spagna e Italia.

Una volta individuato il prodotto, l’app indica con un codice a 5 colori l’impatto che questo può avere. Il punteggio si basa sull’analisi di tutti gli ingredienti.

Potete scaricare Cosmetic Scan su Play Store.

Greenity

greenity app

La app Greenity si pone l’obiettivo di educare nuovi consumatori responsabili che sappiano cosa contengono davvero i prodotti che utilizzano ogni giorno. Nata non solo come app ma anche come una vera e propria comunity green friendly, grazie alla quale si possono fare domande, rispondere ai quesiti di altri utenti e lasciare recensioni dei prodotti.

Ora l’aspetto social di Greenity è stato eliminato e molte persone non gradendo il cambiamento sono passate ad altre app.

Greenity consente di cercare i vari cosmetici per nome oppure scannerizzando il codice a barre. Appariranno così tutti gli ingredienti di cui si compone quel determinato prodotto classificati con una scala cromatica che va dal verde (ingrediente ottimo) al rosso (ingrediente nocivo). L’app consente anche di cercare le singole sostanze e il database è in costante aggiornamento. È possibile scaricare Greenity sia da Apple Store che da Play Store.

Inci Ok

app inci cosmetici 4 inci ok

Inci Ok si propone di aiutarci a proteggere la nostra pelle dagli ingredienti nocivi presenti sul mercato cosmetico. L’app consente di inserire i nostri cosmetici preferiti e condividerne gli ingredienti con tutto il mondo sui social.

Un lettore automatico permette di cercare il prodotto prescelto grazie al codice a barre. Se il prodotto risulta già inserito, ne leggerete direttamente gli ingredienti e le relative valutazioni. Molti utenti però si lamentano del mal funzionamento dell’App.

Potete scaricare Inci Ok da Play Store.

Biotiful

app inci cosmetici 2 biotiful

L’app Biotiful è una delle più conosciute e, un tempo, apprezzate. Oggi infatti non è più scaricabile da Apple Store ma si trova solo su Play Store. Il problema è però, come segnalano molti utenti, che non permette più di accedere e di conseguenza sembra non funzionare più.

Un vero peccato dato che si trattava della prima app del genere che conteneva un database con più di 10 mila prodotti e altrettanti ingredienti in continua evoluzione, utile a cercare e controllare l’INCI dei cosmetici.  

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook