Il bonus rottamazione tv sta per scadere: come richiedere l’agevolazione ed entro quando

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A fine anno scadrà il bonus per rottamare i vecchi televisori, meglio affrettarsi a inviare la richiesta prima che i fondi stanziati finiscano. Ecco tutto quello che c'è da sapere sull'incentivo: requisiti, a quanto ammonta e come ottenerlo

Mancano un paio di mesi alla scadenza del bonus rottamazione tv, l’agevolazione introdotta dal Governo per favorire la sostituzioni di apparecchi televisivi che non sono più idonei ai nuovi standard tecnologici. Dallo scorso 23 agosto è possibile inoltrare la richiesta per ottenere l’incentivo.

Vediamo nel dettaglio chi ne può usufruire, a quanto ammonta e come inviare la domanda.

Cos’è il bonus e a chi si rivolge

Il bonus consiste in uno sconto del 20% sul prezzo d’acquisto, fino ad un importo massimo di 100 euro. Possono beneficiarne tutti coloro che hanno acquistato un televisore prima del 22 dicembre 2018, data di entrata in vigore del nuovo standard di codifica HEVC MAIN 10. Per ottenere l’incentivo non è previsto nessun limite di Isee (a differenza del bonus decoder tv). In ogni caso, l’agevolazione è legata al nucleo familiare in quanto è concesso un solo bonus per l’acquisto di un televisore a famiglia.

Per avere il contributo è necessario essere in possesso di 3 requisiti:

  • essere residenti in Italia
  • rottamare correttamente un televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018
  • essere in regola con il pagamento del canone di abbonamento al servizio di radiodiffusione.

Inoltre, hanno diritto al bonus tutte quelle persone residenti in Italia che al 31 dicembre 2020 risultino di età pari o superiore a 75 anni e che, sono esentati dal pagamento del canone al servizio di radiodiffusione (in quanto aventi un reddito familiare annuo non superiore a 8000 euro).

Come richiederlo e scadenze

Come richiedere dunque l’incentivo? Il contributo per la rottamazione della TV è cumulabile per l’acquisto di un apparecchio anche con il precedente incentivo (Bonus TV Decoder) per coloro che siano in possesso di tutti i requisiti richiesti. Prima di procedere alla rottamazione, è necessario scaricare e compilare il modulo di autodichiarazione che certifichi il corretto smaltimento.

Per quanto riguarda la rottamazione, questa può essere effettuata direttamente presso i rivenditori che aderiscono all’iniziativa, consegnando al momento dell’acquisto la TV obsoleta. In questo caso sarà poi il rivenditore a occuparsi del corretto smaltimento dell’apparecchio (usufruendo di un credito fiscale pari allo sconto applicato all’acquirente).

In alternativa, è possibile consegnare  il vecchio televisore direttamente in una isola ecologica autorizzata, prima di andare in negozio a comprare la nuova. In tal caso, l’addetto del centro di raccolta RAEE deve convalidare il modulo, che certifica l’avvenuta consegna dell’apparecchio. Successivamente l’utente potrà recarsi nei punti vendita aderenti e fruire dello sconto sul prezzo di acquisto, presentando il modulo firmato.

La scadenza per usufruire del bonus rottamazione tv è fissata al 31 dicembre 2022, ma le risorse stanziate (pari a 250 milioni di euro) potrebbero esaursi prima.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: MISE 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook