La meraviglia della Via Lattea vista da ogni angolo del mondo, ecco le migliori fotografie 2022 della nostra galassia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il blog di fotografia e viaggi "Capture the Atlas" ci fa sognare portandoci a contemplare la bellezza della Via Lattea vista dagli angoli più speciali del mondo. Questi sono 10 dei vincitori del concorso Milky Way Photographer of the Year 2022.

Catturare la magia della Via Lattea e condividerla con il mondo. Il blog di fotografia e viaggi Capture the Atlas ha appena pubblicato la quinta edizione della sua raccolta annuale del “Milky Way Photographer of the Year”, una selezione con le migliori immagini della nostra galassia catturate da ogni angolo del Pianeta.

Per questa compilation mozzafiato, Dan Zafra, editore di Capture the Atlas, cura queste foto durante tutto l’anno alla ricerca non solo delle immagini scattate da alcuni dei fotografi più famosi del mondo, ma anche di nuovi talenti e luoghi in cui la Via Lattea non è mai stata fotografata prima, come nel caso delle immagini provenienti dal Tibet e dal deserto dello Xinjiang.

La bellezza dell’universo può andare oltre la comprensione umana, guardare queste foto è una vera gioia cosmica. La scelta di pubblicare queste immagini a maggio non è un caso, infatti, come spiega Dan nel suo blog, è proprio questo periodo l’apice della stagione per poter osservare la Via Lattea.

Lasciamoci ipnotizzare dalla meraviglia della nostra galassia … pronti?

“Ice Age” di Alvin Wu | Tibet, Cina

concorso Milky Way Photographer of the Year 2022

©”Ice Age” di Alvin Wu / Capture the Atlas

Questa è la versione cinese del lago di ghiaccio blu, Pumoungcuo, a un’altitudine di 5.070 metri. Questo lago, situato in Tibet, si gela ogni inverno. Di notte la temperatura scende sotto i -20°C e puoi sentire il rumore del ghiaccio che si rompe mentre catturi un bellissimo cielo invernale. La superficie blu del ghiaccio e l’abbagliante costellazione di Orione creano un paesaggio fantastico.

Ero molto felice di avere le stelle a tenermi compagnia in quella notte magica.

“The salt road” di Alexis Trigo | San Pedro de Atacama, Cile

concorso Milky Way Photographer of the Year 2022

©“The salt road” di Alexis Trigo / Capture the Atlas

Quando visiti il ​​deserto di Atacama, con le sue formazioni aride e il cielo stellato, ti senti come se fossi su un altro Pianeta.

Questo luogo è la catena montuosa del sale millenaria dove regna un silenzio incrollabile, ideale per l’introspezione e la contemplazione del cielo. Una delle mie caratteristiche preferite di questo luogo è l’esteso strato di sale sul terreno che riflette ed esalta la scarsa luminosità, che proviene principalmente dalla luce zodiacale e si traduce in meno rumore nella foto. Ho scoperto questo posto un pomeriggio mentre pedalavo alla ricerca di un panorama unico, e sono felicissimo di averlo trovato!

“A balcony to the stars” di Efrén Yanes | Tenerife, Spagna

concorso Milky Way Photographer of the Year 2022

©“A balcony to the stars” di Efrén Yanes / Capture the Atlas

Tenerife, nelle Isole Canarie, ha molte grotte costiere.

È da molto tempo che pensavo di fare questa foto. Il primo passo è stato pianificare la visibilità della Via Lattea e vedere se era possibile vedere il centro galattico dall’interno della grotta. Ho fatto due tentativi, ma entrambi non sono andati a buon fine in quanto, per entrare nella grotta, la marea deve essere bassa e le condizioni del mare devono essere perfette.

Alla fine, tutte le condizioni si sono allineate e sono stato in grado di scattare la foto, aggiungendomi come figura umana per dare un senso di scala. Sono stato fortunato, perché questo è uno dei pochi luoghi costieri di Tenerife dove non c’è quasi nessun inquinamento luminoso.

“Winter sky over the mountains” di Tomáš Slovinský |  Bassi Tatra, Slovacchia

concorso Milky Way Photographer of the Year 2022

©“Winter sky over the mountains” di Tomáš Slovinský / Capture the Atlas

Sebbene la Via Lattea invernale sia molto più debole della Via Lattea estiva, è piena di caratteristiche meravigliose che meritano attenzione. Questa parte della Galassia contiene molte stelle luminose, in particolare quelle nell’asterismo dell’esagono invernale.

Le braccia galattiche sono piene di nebulose idrogeno-alfa: oggetti che sono (quasi sempre) invisibili ad occhio nudo, ma completamente visibili con una fotocamera astromodificata. Per acquisire maggiori dettagli sull’emissione H-alfa, ho anche utilizzato uno speciale filtro Hα.

L’arco della nostra galassia si estende sopra i Monti Tatra in Slovacchia, dove la temperatura è scesa sotto i -14°C quella notte. Sopra il soggetto (me), c’è un cono luminoso di luce zodiacale che punta a una bellissima congiunzione in quel momento: il Pianeta Rosso, Marte, proprio tra due ammassi aperti di stelle, le Pleiadi e le Iadi.

“The Milky Way arching over The Pinnacles Desert” di Trevor Dobson | Parco Nazionale di Nambung, Australia

concorso Milky Way Photographer of the Year 2022

©“The Milky Way arching over The Pinnacles Desert” di Trevor Dobson / Capture the Atlas

Questo è un panorama a 180 gradi della Via Lattea mentre inizia a tramontare verso l’orizzonte occidentale nel deserto dei Pinnacoli, due ore a nord di Perth, nell’Australia occidentale.

L’uso di un obiettivo a focale fissa veloce con una lunghezza focale maggiore mi consente di catturare il cielo notturno con dettagli e vivacità eccezionali, ma per catturare lo stesso campo visivo di un obiettivo grandangolare, sono necessari molti più scatti. Per questa immagine, ho scattato 124 singole foto!

I pinnacoli sono un posto fantastico per l’astrofotografia. L’area è disseminata di migliaia di questi monoliti calcarei, il che significa che le possibilità di composizione sono quasi infinite e questo è uno dei motivi per cui continuo a tornare qui anno dopo anno. È un luogo così popolare che sono quasi sempre in compagnia di altri astrofotografi quando lo visito.

“Winter Dreams” di Rubén Vela | Picos de Europa, Spagna

concorso Milky Way Photographer of the Year 2022

©“Winter Dreams” di Rubén Vela / Capture the Atlas

La Via Lattea invernale nei Picos de Europa nel nord della Spagna. Dopo una forte nevicata, ho potuto godermi una fantastica notte di fotografia in completa solitudine.

Le condizioni erano complicate. Per arrivare sul posto, prima ho fatto il sentiero senza lo zaino, perché anche con le ciaspole stavo affondando nella neve fino alle ginocchia. Una volta lì, tutto ha un senso: la Via Lattea invernale, le montagne, la neve, la solitudine… E in regalo, una stella cadente ha attraversato il mio obiettivo mentre stavo catturando questo panorama. Le forme della neve, delle montagne e della Via Lattea invernale hanno creato uno scenario magico che sarà difficile da dimenticare.

“Path to the past” di Jose Manuel Galvan Rangel | Estremadura, Spagna

concorso Milky Way Photographer of the Year 2022

©“Path to the past” di Jose Manuel Galvan Rangel / Capture the Atlas

Paradiso naturale, così si potrebbe descrivere la comunità dell’Estremadura. Non solo la flora e la fauna di questa regione dimenticata sono spettacolari, ma lo sono anche i suoi cieli, pieni di milioni di stelle che sembrano illuminarsi quando cala la notte, puliti dall’inquinamento e dalle luci parassote delle grandi città.

Data la qualità dei cieli dell’Estremadura, sono numerose le riserve di Starlight che si possono godere in queste terre selvagge e molti sono gli astrofotografi che la scelgono come meta preferita per praticare il loro hobby.

In questa occasione, la fotografia mostrata è stata scattata in una remota cittadina a sud-ovest di questa comunità, Salvatierra de los Barros. Un luogo fino ad oggi praticamente sconosciuto al mondo, in cui troviamo un imponente castello di proprietà privata che si erge, sotto la luce delle stelle, dal XV secolo.

“Vinchina blue nights” di Gonzalo Javier Santile | La Rioja, Argentina

concorso Milky Way Photographer of the Year 2022

©“Vinchina blue nights” di Gonzalo Javier Santile / Capture the Atlas

Quando ho scattato questa foto, mi trovavo nella piccola città argentina di Vinchina. Sono rimasto lì per 5 giorni per avere abbastanza tempo per esplorare questa meraviglia naturale.

L’area conosciuta come la “Piramide” (dove ho scattato questa foto) si trova poco prima di scalare una montagna alta 4.600 metri per raggiungere la Laguna Brava, dove ci sono geyser e una laguna piena di fenicotteri rosa che arrivano durante la stagione dell’anno successivo. Il punto di riferimento più spettacolare qui è il cratere “Corona del Inca”, che richiede ossigeno per salire.

L’ho provato la prima notte ed è stato frustrante perché la location non aveva inquinamento luminoso, quindi la foto è risultata estremamente buia, anche a ISO 6400. Sono tornato il giorno successivo al tramonto e durante l’ora blu ho scattato una foto del primo piano. Quindi, ho aspettato che la Via Lattea uscisse nella stessa posizione con il treppiede e ho scattato la foto del cielo.

“Secrets of the Night” di Daniel Viñé | Picos de Europa, Asturie – Spagna

concorso Milky Way Photographer of the Year 2022

©“Secrets of the Night” di Daniel Viñé / Capture the Atlas

Sono andato in questo posto fantastico a Picos de Europa con il mio amico e fotografo Felipe Souto. Per catturare questa foto, abbiamo iniziato a camminare con tutta la nostra attrezzatura fotografica: macchina fotografica, treppiedi, star tracker e tutto ciò di cui avevamo bisogno per dormire in montagna.

Dopo diverse ore di cammino, potemmo accamparci e iniziammo ad esplorare la zona alla ricerca di composizioni. Non c’era tempo da perdere, poiché mancava poco per il calare della notte. La vista era epica; dovevamo soltanto trovare un buon primo piano potente. Ho trovato un posto affascinante, aveva un piccolo cerchio di fiori ed era circondato da pietre e montagne. Se puntassi la mia macchina fotografica a sud, la Via Lattea apparirebbe sulla parete nord del “Picos de Europa”.

Ho eseguito una panoramica alla fine dell’ora blu per ottenere il massimo dei dettagli in primo piano. Più tardi, la sera, ho usato lo star tracker e la mia fotocamera astromodificata per fare una panoramica di 7 foto del cielo.

“The Rocks” di Rachel Roberts | Motukiekie, West Coast– Nuova Zelanda

concorso Milky Way Photographer of the Year 2022

©”The Rocks” di Rachel Roberts / Capture the Atlas

Alcuni dei cieli più bui e sottovalutati della Nuova Zelanda si trovano lungo la costa occidentale dell’Isola del Sud, un luogo che ho la fortuna di chiamare casa.

Motukiekie, situata lungo “The Great Coast Road”, è un’area davvero unica in cui il centro galattico della nostra galassia, la Via Lattea dell’emisfero meridionale, si trova su antiche rocce della superficie del mare e scogliere esposte.

Anche se non è la composizione che mi aspettavo di fotografare quella notte, per il fatto che le grandi onde mi hanno impedito di avvicinarmi alla scogliera principale, sono davvero felice della foto che ho scattato e molto orgogliosa di essere uscita a fare delle foto, dato che avevo appena avuto un bambino 6 settimane prima. Come potete immaginare, ero piuttosto privata del sonno!

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Capture the Atlas

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Comunicatrice sociale specializzata in giornalismo ambientale e terzo settore, un master in Comunicazione Ambientale e uno in Innovazione Sociale. In greenMe ha trovato il suo habitat ideale.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook