Una clessidra spaziale: lo scatto della Nasa che mostra la nascita di una stella è puro spettacolo 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il telescopio James Webb è tornato a farci emozionare: questa volta ha immortalato l'incredibile formazione di una stella, avvolta in una nube scura di polvere e gas. Lo scatto rilasciato dalla Nasa toglie davvero il fiato

Nudi contro il cancro alla pelle

Come si forma una stella? A svelarcelo è, ancora, una volta il potentissimo telescopio spaziale James Webb, con un’immagine che sembra un capolavoro artistico. Nello scatto pubblicato dalla Nasa possiamo ammirare un’enorme clessidra di polvere le cui sfumature vanno dall’arancione brillante al blu, al cui centro è visibile una protostella nota come L1257 e che si trova nel cuore della costellazione del Toro.

Queste nubi colorate non erano mai immortalate in maniera così dettagliata: soltanto grazie alla sofisticata fotocamera a infrarossi vicini (NIRCam) del telescopio possiamo ammirarle in tutta la loro bellezza.

Le espulsioni provenienti dalla stella hanno dato vita delle cavità sopra e sotto di essa, che rievocano molto la forma di una clessidra, mentre i colori diversi sono dovuti alla presenza di più strati di polvere nello spazio interstellare: le aree blu indicano uno strato di polvere più sottile, mentre in quelle arancioni c’è una presenza più massiccia di polvere.

Leggi anche: Immortalato un ponte intergalattico luminosissimo: l’immagine ripresa dal telescopio Hubble è spettacolare

Spettacolare, no? Eppure nonostante tutto l’affascinante caos generato, L1527 ha “appena” 100.000 anni e quindi è classificata come corpo celeste relativamente giovane.

Data la sua età e la sua luminosità nella luce del lontano infrarosso osservata da missioni come l’Infrared Astronomical Satellite, L1527 è considerata una protostella di classe 0, il primo stadio della formazione stellare. – chiarisce la Nasa in un comunicato – Protostelle come queste, che sono ancora avvolte in una nube oscura di polvere e gas, hanno ancora molta strada da fare prima di diventare stelle a tutti gli effetti. L1527 non genera ancora la propria energia attraverso la fusione nucleare dell’idrogeno, una caratteristica essenziale delle stelle.

La sua forma, sebbene per lo più sferica, è anche instabile e assume quella di un piccolo, caldo e gonfio ammasso di gas cha ha fra il 20% e il 40% della massa del nostro Sole. Man mano che la protostella continua ad accumulare massa, il suo nucleo si comprime gradualmente e si avvicina alla fusione nucleare stabile. La scena mostrata in questa immagine rivela che L1527 fa proprio questo.

Negli ultimi mesi il sofisticato telescopio James Webb ci ha fatto davvero sognare, portandoci alla scoperta dei segreti del nostro Universo. Ecco alcune delle immagini più emozionanti rilasciate di recente:

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: NASA

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook