Una tempesta geomagnetica sta per colpire la Terra in questi giorni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo l'allerta del centro di previsione meteorologica spaziale della NOAA, si verificherà una espulsione di massa coronale dal Sole che potrebbe colpire il nostro Pianeta e causare di conseguenza una tempesta geomagnetica con la comparsa di aurore

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

Il centro di meteorologia spaziale del National Oceanic and Atmospheric Administration NOAA ha pubblicato una allerta per questi giorni per via di una possibile espulsione di massa coronale dal Sole e delle conseguenti tempeste geomagnetiche.

Come spiega l’INAF, il fenomeno, noto anche con l’acronimo inglese CEM, consiste “nell’espulsione improvvisa di una notevole quantità di gas altamente ionizzato — il plasma — dagli strati esterni dell’atmosfera del Sole — la corona solare — verso lo spazio interplanetario”.

Il CEM è dovuto all’attività magnetica del Sole e da questo viene espulsa ad una velocità di non meno di 250 chilometri al secondo fino a quasi 3000. Mentre si propagano verso l’esterno queste si espandono sempre più e le più grandi possono raggiungere una dimensione che comprende quasi un quarto dello spazio tra la Terra e il Sole quando raggiungono il nostro pianeta.

L’espulsione di massa coronale dà vita sia a spettacolari aurore boreali che a pericolose tempeste geomagnetiche che vengono classificate in cinque livelli secondo la scala meteorologica spaziale della NOAA che suddivide tempeste geomagnetiche, tempeste solari e blackout radio, fornendo previsioni per i successivi tre giorni.

La tempesta geomagnetica che dovrebbe verificarsi tra oggi e domani che, secondo l’allerta del bollettino NOAA, non dovrebbe dare particolari problemi alla rete elettrica come successo in passato. Un esempio è la tempesta del marzo del 1989 che in Québec, Canada, provocò un black-out di 9 ore con aurore boreali visibili persino in Stati americani meridionali come il Texas.

Quella di questi giorni produrrà un’aurora visibile solamente ad alti latitudini come in Canada o in Alaska.

Fonte: NOAA

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook