SpaceX perde l’80% dei suoi nuovi satelliti a causa di una tempesta geomagnetica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La tempesta geomagnetica dello scorso venerdì ha danneggiato almeno 40 dei 49 nuovi satelliti Starlink per la connessione Internet a banda larga

Come conservare al meglio le fragole

Una brutta batosta per il colosso spaziale di proprietà di Elon Musk: circa l’80% dei satelliti lanciati in orbita la scorsa settimana sono a rischio distruzione a causa dello scontro con una tempesta geomagnetica. È la stessa agenzia spaziale a diffondere la notizia in una nota sul proprio sito web.

Un razzo SpaceX era partito lo scorso 3 febbraio dal Kennedy Space Center, in Florida, trasportando 49 satelliti Starlink per l’accesso a internet satellitare globale in banda larga. Sfortunatamente, i satelliti sono stati significativamente colpiti e danneggiati da una tempesta geomagnetica che si è scatenata il giorno successivo e che ha provocato il riscaldamento dell’aria e l’aumento della densità atmosferica alle basse latitudini dove i satelliti erano stati posizionati.

A nulla sono servite le manovre emergenziali imposte alla traiettoria dei satelliti, come quella di volare “di taglio” (come un foglio di carta): la velocità con cui la tempesta si è abbattuta non ha permesso ai dispositivi di mettersi al riparo e raggiungere la posizione richiesta. Sono già 40 i satelliti ormai inutilizzabili, per i quali è stato disposto il rientro nell’atmosfera terrestre: questi satelliti sono progettati per disintegrarsi al contatto con la nostra atmosfera, al fine di non disperdere detriti (la cosiddetta “spazzatura spaziale”) sopra le nostre teste e non creare intralcio alla traiettoria di altri satelliti.

Attualmente sono circa 2.000 i satelliti Starlink già lanciati da SpaceX. L’azienda di Musk ha ricevuto il permesso dalle autorità statunitensi per il lancio di 12.000 satelliti nei prossimi anni, e questo ha suscitato preoccupazione negli astronomi di tutto il mondo, che temono che una tale “galassia” di oggetti orbitanti possa ostacolare la capacità di studiare le stelle e i misteri dell’universo.

Ma non sono solo gli scienziati a storcere il naso di fronte a questa maxi-operazione esplorativa operata da Musk: anche l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) si è mostrata critica di fronte alle enormi concessioni accordate a Musk, chiedendo un’azione coordinata dell’Unione Europea per garantire che l’azione di SpaceX non diventi un monopolio dello spazio, impedendo agli altri Paesi e alle altre agenzie di lanciare i propri satelliti.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: SpaceX / The Guardian

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook