Gli scienziati scoprono il pianeta piuma: è uno dei più leggeri tra gli esopianeti ad oggi conosciuti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

GJ 367 b ha una massa pari alla metà di quella della Terra, uno dei più leggeri tra i quasi 5000 esopianeti ad oggi conosciuti

Si chiama GJ 367 b ed è veramente una piuma: ha una massa pari alla metà di quella della Terra, claffificandosi come uno dei più leggeri tra i quasi 5000 esopianeti ad oggi conosciuti. La scoperta è opera di un gruppo internazionale di ricerca (ben 78 scienziati) tra cui figura anche la nostra Università di Torino.

Ha un diametro di poco più di 9000 km, leggermente maggiore di quello di Marte, ed impiega solo 8 ore a compiere una rivoluzione attorno alla sua stella, quindi un anno del pianeta piuma corrisponde a un terzo del giorno terrestre. Per questo GJ 367 b è chiamato in gergo scientifico ultra-short period planets (pianeta con periodo orbitale molto corto), come tutti quelli con periodo orbitale più breve di 24 ore.

GJ 367 b è stato scoperto grazie al telescopio spaziale TESS (Transiting Exoplanet Survey Satellite) della Nasa utilizzando il metodo dei transiti, che consiste nel misurare la diminuzione di luce di una stella quando questa viene parzialmente occultata da un suo pianeta che le passa davanti.

Leggi anche: C’è un Pianeta fuori dalla Via Lattea, grande come Saturno? Sarebbe una scoperta straordinaria 

Per confermare i dati preliminari, i ricercatori hanno usato quindi lo spettrografo HARPS dell’European Southern Observatory (ESO), che ha permesso loro di determinare la massa del pianeta.

Grazie alla determinazione precisa delle sue dimensioni e della sua massa, siamo in grado di classificare GJ 367 b come un pianeta roccioso – spiega Davide Gandolfi, coautore della ricerca – È uno degli esopianeti terrestri più piccoli di cui sia stata misurata precisamente la sua massa

In particolare il raggio e la massa sono stati determinati con una precisione rispettivamente del 7 e del 14%, e con questi dati i ricercatori sono stati in grado di dedurre informazioni importanti sulla struttura e composizione interna dell’esopianeta.

GJ 367 b ha una densità di circa 8 grammi per centimetro cubo, maggiore di quella della Terra. Questo suggerisce che il pianeta abbia un nucleo molto esteso di ferro e nichel, simile a quello di Mercurio, il pianeta più interno del Sistema Solare – spiega Maria Luisa Serrano, altra coautrice – La vicinanza del pianeta alla sua stella lo espone ad un livello di radiazioni estremamente elevato, oltre 500 volte più intenso di quello che riceve la Terra dal Sole

Per questo gli scienziati stimano che la temperatura superficiale sia di circa 1500 gradi Celsius, temperatura compatibile con la fusione di rocce e metalli: è possibile quindi che la superficie di GJ 367 b sia ricoperta di un mare di lava.

Anche se non conosciamo bene le sue origini, riteniamo che GJ 367 b si sia formato a distanze molto più grandi dalla sua stella e che successivamente sia migrato verso le regioni più interne del sistema planetario, raggiungendo la sua orbita attuale

Il pianeta appena scoperto orbita in particolare attorno ad una nana rossa avente un raggio pari a circa il 45% di quello del Sole e una temperatura superficiale di circa 3200 gradi Celsius, che le conferisce un colore rossastro.

Il nostro team sta intensivamente osservando GJ 367 con HARPS alla ricerca di altri esopianeti, al fine di studiare l’architettura esterna del sistema e studiare meglio le sue origini

conclude Gandolfi.

Il lavoro è stato pubblicato su Science.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: Università di Torino / Science  

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook