Il video dell’impatto su Giove è la dimostrazione che gli amatori hanno ciò che serve per fare grandi scoperte

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli accessori tecnologici sempre più alla portata di tutti permettono a chiunque di improvvisarsi osservatore e di fare incredibili scoperte

Non conservare così l'avocado: è pericoloso

Gli accessori tecnologici sempre più sofisticati e sempre più alla portata di tutti permettono ormai a chiunque di improvvisarsi osservatore e di fare incredibili scoperte

Come vi abbiamo già raccontato qualche settimana fa, l’appassionato di astronomia José Luis Pereira ha immortalato, con il suo telescopio e con una telecamera, l’impatto di un asteroide sulla superficie del pianeta Giove. Questo episodio dimostra come la passione, il tempo libero e pochi mezzi di osservazione possano portare scoperte incredibili – come nuove comete, asteroidi o, appunto, collisioni spaziali.

Spesso gli appassionati si specializzano nell’osservazione di un pianeta specifico o di una particolare costellazione – come è il caso di Pereira, che si dedica al pianeta Giove da alcuni anni. Per esempio, esiste un gruppo di osservatori amatoriali di Giove che regolarmente registrano video del gigante gassoso con i mezzi che hanno a disposizione, sperando di imbattersi in qualche fenomeno eccezionale come quello dello scorso 13 settembre.

Per controllare se quello a cui si è assistito è un fenomeno degno di nota, esiste poi un software gratuito chiamato DeTeCt, che analizza i video raccolti e avvisa l’utente di qualsiasi cosa insolita sia accaduta sul pianeta. Se vi sono poi più amatori che, per casualità, hanno registrato lo stesso impatto alla stessa ora, questo dà maggiori informazioni al sistema che analizza meglio l’evento e può restituire informazioni più precise.

Ed è esattamente ciò che è successo l’altra settimana. Come di consueto Pereira, dopo aver registrato la sua osservazione di Giove (senza notare alcun fenomeno anomalo), aveva condiviso il suo video con il software che l’ha analizzato e ha evidenziato la collisione – un lampo di luce luminoso che è sparito dopo un paio di secondi. In base alla luminosità e alla durata dell’esplosione, si stima che l’oggetto abbia avuto delle dimensioni comprese fra i 20 e i 50 metri, ma gli astronomi (quelli veri) stanno ancora facendo valutazioni in merito.

Il successo dell’osservazione di Pereira (e del suo video, diventato virale online) dimostra che sempre più spesso l’osservazione scientifica dei fenomeni trae linfa vitale dal contributo di amatori e appassionati che, pur non avendo le competenze adeguate, dispongono dei mezzi utili per cogliere eventi rari e spettacolari.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook