Occhi puntati sulla luminosa cometa di Natale! Le spettacolari immagini della Nasa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Cometa di Natale, la più luminosa del 2021, è tornata ed è visibile ad occhio nudo. Ecco le immagini più belle della Nasa

Forse non ci guiderà verso un luogo santo, né particolare, ma è è uno spettacolo mozzafiato: è tornata la Cometa di Natale ed è visibile ad occhio nudo. Tra fotografi e appassionati di astronomia è già gara allo scatto perfetto dell’incantevole corpo celeste. 

Fra le immagini più suggestive ci sono quelle riprese dalla sonda Solar Orbiter di Nasa e Agenzia spaziale europea (Esa).  Nella sequenza animata  si vede perfettamente la cometa Leonard (con le sue due code di gas e polveri) mentre attraversa il campo visivo in diagonale, con la Via Lattea sullo sfondo e i pianeti Venere e Mercurio visibili.

Guardate che meraviglia!

Sui social sono già comparsi diversi scatti della meravigliosa cometa, che i più fortunati hanno potuto ammirare con i loro telescopi. 

 

Cometa Leonard: dov’è visibile ad occhio nudo e quando sarà più vicina al Sole

La cometa Leonard (C/2021 A1), ribattezzata Cometa di Natale, è stata scoperta lo scorso gennaio da GJ Leonard all’Osservatorio del Monte Lemmon e raggiungerà la minima distanza  dalla Terra il 12 dicembre 2021 alle 14:54 ora italiana (ma per noi sarà visibile poco prima dell’alba e subito dopo il tramonto), quando sarà a 34 milioni di km da noi.

Si tratta della cometa più luminosa dell’anno e si prevede che, dopo aver raggiunto il punto più vicino al Sole il 3 gennaio 2022, non torni più nel nostro Sistema Solare. Quindi davvero non possiamo perdere questo spettacolo irripetibile.

Leggi anche: La cometa Leonard sarà la più luminosa che vedremo nel 2021 (poi sparirà per sempre)

La cometa è già visibile ad occhio nudo, ma purtroppo soltanto nell’emisfero australe. Per gli abitanti dell’emisfero Nord la visione è limitata in un arco di tempo molto breve dopo il tramonto del Sole a Sud-Ovest (si trova in basso a sinistra rispetto a Venere) e servirà un buon telescopio.

 

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: Nasa / EarthSky / Michael Jäger/Twitter

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook