Oggi un asteroide grande come due campi da calcio sfiorerà la Terra (ma a debita distanza)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si sta avvicinando sempre di più alla Terra ed è grande il doppio della Piramide di Cheope. E quando passerà il gigantesco asteroide

Ecco il carrello smart per la spesa

E’ un vero e proprio colosso, con un diametro di 250 metri sta per volare a breve distanza dalla Terra. La Nasa l’ha classificato come asteroide “potenzialmente pericoloso” sia per le dimensioni che per la vicinanza al nostro pianeta, ma possiamo dormire sonni tranquilli.

Niente panico. Anche se ormai sembra che ci stiamo abituando a ricevere cattive notizie, il passaggio di 468727 meglio noto come asteroide 2010 JE87 sarà innocuo, una visita di cortesia. Questa roccia spaziale da oltre 10 anni è una sorvegliata speciale. Lungo il doppio di due campi da calcio o della piramide di Cheope, per fare un paragone “artistico”, l’asteroide volerà sì a tu per tu con la Terra ma si troverà comunque a distanza di sicurezza, ossia a 15 distanze lunari.

Nel nostro sistema solare, la distanza tra i due corpi celesti viene misurata in distanza lunare (LD), pari a 384.317 chilometri. L’asteroide dunque si trova 15 volte più distante della luna, a circa 6 milioni di km.

Attualmente, è in viaggio attraverso il sistema solare, avanzando a velocità estreme. La Nasa ha rivelato che si sta muovendo alla incredibile velocità di 14,9 chilometri al secondo, o 53.640 chilometri all’ora

La Nasa classifica tali asteroidi, definiti anche NEO (Near Earth Objects), come potenzialmente pericolosi quando si avvicinano a noi o quando le loro dimensioni sono tali da richiedere un monitoraggio più accurati. Si tratta perlopiù di comete e asteroidi spinti dall’attrazione gravitazionale dei pianeti in orbite che consentono loro di entrare nel “vicinato” della Terra.

asteroide 25 gennaio

©Nasa/JPL

Possiamo stare tranquilli, l’asteroide di oggi sarà vicino ma non troppo e permetterà agli scienziati di saperne di più sulla loro formazione e la loro presenza all’interno del nostro sistema solare.

Fonti di riferimento: Nasa/JPL, SpaceWeather,

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook