Vitamina D: ecco cosa è successo a un uomo che ha superato la dose consigliata, finendo in ospedale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La vitamina D è importantissima per mantenersi in salute, ma un eccesso di questa sostanza può causare una serie di disturbi da non sottovalutare. Sono in aumento i casi di "intossicazione" causata dal mancato rispetto della dose consigliata

Pitture ecologiche e naturali per la casa

La vitamina D è preziosa per la nostra salute: è essenziale per il nostro apparato scheletrico, poiché serve ad assorbire il calcio, ma anche per il funzionamento del sistema muscolare e per rafforzare le difese immunitarie. Se, però, da un lato una carenza di questa vitamina può portare a una serie di problemi come l’osteoporosi, l’osteomalacia e il rachitismo (in età infantile), dall’altro è importante stare attenti a non abusarne.

Proprio di recente, infatti, un uomo di mezza età è stato ricoverato in ospedale nel Regno Unito dopo aver assunto dosi eccessive di vitamina D, combinata ad altri integratori. La sua vicenda è diventato un caso di studio, che è stato pubblicato sulla rivista medica BMJ Case Reports.

Il caso studiato in Gran Bretagna

L’uomo ha iniziato a manifestare una serie di sintomi, fra cui nausea, dolore addominale, diarrea, crampi alle gambe e acufene a distanza di circa un mese dall’inizio della terapia che stava seguendo su consiglio di un nutrionista privato che lo seguiva. I sintomi sono andati avanti per circa 3 mesi e il signore brittanico è arrivato a perdere anche circa 12 chili, fino a quando il suo medico di base ha spinto per il ricovero in ospedale. Ogni giorno il paziente assumeva:

  •  15.000 UI di Vitamina D (il fabbisogno giornaliero è di 400 UI)
  • 100 mcg di Vitamina K2 (il fabbisogno giornaliero va dai 100 ai 300 μg)
  • 1000 mcg di Vitamina B9 (il fabbisogno giornaliero è di 400 μg)
  • 2000 mg di omega-3 per due volte al giorno (il fabbisogno giornaliero è di 200–500 mg)
  • 15 mg di selenio, bioattivo, zinco picolinato (il fabbisogno giornaliero è di 11 mg)

Il paziente si era rivolto al nutrizionista per rimettersi in sesto dopo aver sofferto in passato di vari problemi di salute, fra cui tubercolosi bocvina, la rinosinusite cronica, la meningite batterica e un neurinoma dell’acustico (tumore benigno all’orecchio).

A causa dell’overdose di integratori, l’uomo è dovuto restare circa una settimana ricoverato e dagli esami del sangue sono emersi dei livelli di calcio molto alti (l’ipercalcemia è un effetto collaterale comune del sovradosaggio di vitamina D), livelli di magnesio leggermente aumentati e livelli di vitamina D sette volte superiori a quelli di cui l’organismo ha bisogno. Inoltre, gli esami hanno rivelato un malfunizonamento renale.

Leggi anche: Vitamina D: i livelli veramente ottimali di cui hai bisogno sono più alti di quel che pensi (e di quelli finora consigliati)

Per farlo rimettere in sesto i medici lo hanno curato per via endovenosa e gli sono stati somministrati dei bifosfonati, ovvero dei farmaci che aiutano ad abbassare i livelli di calcio nel sangue. Per fortuna l’uomo si è poi ripreso. Tuttavia, a distanza di due mesi dalle dimissioni dall’ospedale, i suoi livelli di vitamina D sono rimasti piuttosto alti. Il caso britannico conferma quanto sia fondamentale non eccedere con gli integratori (come accade sempre più spesso), i cui efffetti collaterali vengono frequentemente sottovalutati.

Attenzione a non abusare con la vitamina D: i rischi

Alla luce di quanto accaduto al paziente inglese, è bene ricordare che superare le dosi consigliate di vitamina D può essere pericoloso. Un eccesso di questo sostanza liposolubile a livello plasmatico provoca, infatti, una forma di intossicazione.

I sintomi iniziali della tossicità della vitamina D sono:

  • perdita dell’appetito
  • nausea e vomito
  • debolezza
  • diarrea
  • nervosismo
  • ipertensione arteriosa

Il calcio in eccesso, dovuto alla vitamina D, può depositarsi in tutto l’organismo, soprattutto nei reni, nei vasi sanguigni, nei polmoni e nel cuore. Così i reni possono subire danni e disfunzioni permanenti che portano all’insufficienza renale. Per evitare brutte sorprese bisogna sempre rivolgersi al proprio medico che consiglierà la dose più adeguata da assumere in base al proprio caso.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: BMJ Case Reports 

Sulla vitamina D leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook