Qatar 2022: perché durante le partite del Marocco ci sono così tante bandiere palestinesi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Palestina (non ancora riconosciuta ufficialmente come Stato dalla comunità internazionale) non gioca ai Mondiali di calcio. Eppure in Qatar, sia negli stadi che fuori, è pieno di bandiere palestinesi e di striscioni a sostegno di questo popolo. Come mai?

L’inaspettata vittoria del Marocco prima contro la Spagna e poi contro il Portogallo in Qatar ha fatto esplodere la festa in diverse aree del mondo, Italia compresa. Alla fine dell’ultima partita i giocatori hanno esultato saltando e abbracciandosi, mentre il centrocampista Sofiane Boufal è sceso in campo ballando con la sua amata mamma, visibilmente emozionata. Ma c’è un gesto fatto dalla squadra marocchina che non è passato inosservato a molti: sventolare con orgoglio la bandiera palestinese.

Dopo il trionfo contro il Portogallo, i giocatori si sono fatti immortalare sorridenti con il vessillo, quasi come se fosse quello della loro nazione. Ma nel corso delle varie partite sugli spalti e fuori dallo stadio chi sta seguendo il Campionato di calcio ha notato tantissime bandiere palestinesi. Anche sui social come Facebook e Twitter è stato lanciato l’hashtag #RaisePalestineFlag a sostegno del popolo della Palestina.

E in tanti si stanno domandando: come mai tutto questo supporto nei confronti di una nazione che ancora oggi tantissimi Paesi non riconoscono e che non gioca nemmeno ai Mondiali?

In realtà il motivo è intuibile. Da decenni il popolo palestinese vive un dramma terribile provocato dalla nascita dello Stato di Israele. Un vero e proprio apartheid. Da quando è stato fondato Israele 1948, per un intero popolo è iniziato un incubo fatto di appropriazione di terre, uccisioni, trasferimenti forzati e continue violazioni dei diritti umani. Nel giro di qualche anno, decine di migliaia di persone si sono viste strappare la libertà e la loro identità. Organizzazioni come Amnesty International denunciano da tempo il sistema disumano di dominazione esercitato da Israele, ma quest’ultimo gode dell’appoggio di tantissimi Stati (Italia compresa) e continua imperterrito a tentare di cancellare il popolo palestinese.

Per ricordare le atrocità che accadono in Medioriente tifosi, attivisti e squadre come il Marocco – a maggioranza musulmana come la Palestina – hanno deciso di sventolare le bandiere palestinesi fuori e dentro il campo. Un modo per dire che la Palestina esiste e resiste, che lo si voglia o no. A spingere le persone a mostrare vessilli e striscioni pro-Palestina è il desiderio di riscatto, del mondo arabo e musulmano, che si è ritrovato in troppe occasioni a fare i conti con i colonizzatori occidentali. E il Marocco lo sa bene, visto che ha subito la dominazione francese, ottenendo l’indipendenza soltanto nel 1956.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook