Addio Sinisa Mihajlovic, alla fine ha vinto la leucemia con cui stava giocando la sua partita più importante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sinisa Mihajlovic è morto. L'ex allenatore del Bologna, ex difensore di Roma e Lazio da anni era malato di leucemia. Nelle ultime settimane le sue condizioni erano peggiorate

Sinisa Mihajlovic ci ha lasciato. L’ex allenatore del Bologna, ex difensore di Roma e Lazio, da anni malato di leucemia, è morto a Roma. Aveva 53 anni.

Quando nel 2019 aveva scoperto di essere malato lo aveva voluto annunciare a tutto il mondo sportivo e non solo. “La batterà giocando all’attacco”. In tutti questi anni Mihajlovic profondamente segnato dalla sofferenza, non si è mai arreso. Prima la chemioterapia, poi il trapianto di midollo al Sant’Orsola di Bologna, il 22 novembre le dimissioni. Ma ad inizio 2022 i nuovi campanelli d’allarme, negli ultimi giorni le sue condizioni erano peggiorate.

Adesso questa notizia sconvolge la famiglia, gli atleti, i suoi ex compagni di campo incontrati durante le sue due carriere, quella da giocatore con cui vinse la Coppa Campioni con la Stella Rossa nel 1990 e quella di allenatore, ma anche i tantissimi fans che in questi anni, lo hanno incoraggiato a non mollare.

Figlio di madre croata e padre serbo, nato a Vukovar ma cresciuto nella vicina Borovo, aveva giocato nella ex Jugoslavia per poi passare alla Vojvodina. Nel 1992 l’arrivo in Italia con la Roma e da lì poi la Sampdoria, la Lazio e l’Inter collezionando gol, scudetti, Coppa delle coppe, Coppa Italia, Supercoppe. E poi l’altra carriera, quella di allenatore, prima come vice di Mancini all’Inter e poi la più grande sfida, quella col Bologna. Durante tutta la malattia si è mostrato forte agli occhi del mondo, dando forza perfino alla sua famiglia e incoraggiando l’Italia a diventare donatori di midollo osseo.

L’annuncio della famiglia

Questo il comunicato rilasciato dalla famiglia: “La moglie Arianna, con i figli Viktorija, Virginia, Miroslav, Dusan e Nikolas, la nipotina Violante, la mamma Vikyorija e il fratello Drazen, nel dolore comunicano la morte ingiusta e prematura del marito, padre, figlio e fratello esemplare, Sinisa Mihajlovic. Uomo unico professionista straordinario, disponibile e buono con tutti. Coraggiosamente ha lottato contro una orribile malattia. Ringraziamo i medici e le infermiere che lo hanno seguito in questi anni, con amore e rispetto, in particolare la dottoressa Francesca Bonifazi, il dottor Antonio Curti, il Prof. Alessandro Rambaldi, e il Dott. Luca Marchetti. Sinisa resterà sempre con noi. Vivo con tutto l’amore che ci ha regalato”.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook