Il giorno più nero della storia del calcio messicano di cui nessuno parla

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Follia in Messico durante la partita di calcio Queretaro-Atlas. Oltre 20 feriti a seguito dei violentissimi scontri tra i tifosi

22 feriti, di cui due in gravi condizioni: è questo il terribile bilancio dei violenti scontri tra i tifosi avvenuti la scorso sabato durante la partita di calcio tra Queretaro ed Atlas, in Messico. Un vero e proprio massacro, di cui nel nostro Paese si è parlato pochissimo, ma che nella nazione americana ha suscitato grande indignazione tra gli appassionati di calcio e non che sui social hanno lanciato numerosi appelli alla FIFA per chiedere l’esclusione del Messico dai Mondiali che si terranno in Qatar.

La situazione è degenerata intorno al 60’ minuto, quando la squadra ospite era in vantaggio 1-0. In diversi punti degli spalti i tifosi dato vita a risse pesantissime. Le angoscianti immagini, finite poi sui social, mostrano uomini inferociti che si prendono a calci, a colpi di sedie, spranghe, bastoni e persino coltelli.

Poco dopo le aggressioni si sono spostate persino in campo e fuori dallo stadio La Corregidora.

Un’escalation di violenza che ha portato all’arbitro a interrompere la partita. Su Twitter e Facebook tanti hanno poi lamentato l’assenza di forze dell’ordine sugli spalti.

Alla luce dell’inaccettabile vicenda, Mikel Arriola, Presidente del campionato messicano, ha annunciato la sospensione di tutto il campionato, mentre la Commissione disciplinare della Federcalcio messicana ha annunciato l’apertura di un’indagine.

Grande il disappunto della Liga Messicana, che su Twitter ha commentato quanto accaduto:

La LigaBBVA MX disapprova e si rammarica delle azioni allo Stadio La Corregidora. In questo campionato vengono promossi valori, pace e rispetto. Il calcio è uno spettacolo da vivere in famiglia senza violenze o discriminazioni.

Anche la FIFA è intervenuta affermando, condannando gli atti di violenza avvenuti allo stadio La Corregidora, definiti “inaccettabili e intollerabili”:

La FIFA si unisce alla Federcalcio messicana e a Concacaf nel condannare questo spregevole incidente e incoraggia le autorità locali a punire al più presto i responsabili. I nostri pensieri sono con tutti coloro che ne hanno subito le conseguenze. Ancora una volta, la FIFA desidera sottolineare che la violenza non deve avere posto nel calcio e continueremo a lavorare con tutte le parti coinvolte per sradicarla dal nostro sport”.

La partita dello scorso sabato rappresenta una delle pagine più nere della storia del calcio messicano. Lo sport dovrebbe unire e fare sognare. Non ferire o uccidere. Tutto ciò non può restare impunito.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: FIFA/Liga BBVA MX

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook