Febbre e crampi allo stomaco: i virus di primavera stanno di nuovo mettendo KO gli italiani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I virus di primavera stanno mettendo a letto 200mila persone. Ecco cosa fare.

Pensavate di esservi lasciati l’influenza alle spalle? Ha colpito anche voi?

Influenza stagionale, in 200mila già a letto. Sbalzi di temperatura e primi piccoli tepori: che sia arrivata la primavera non è detto che si sia salvi dall’influenza. Anzi, accanto ai classici raffreddori di cambio stagione, possono comparire i cosiddetti virus di primavera, quei mix micidiali di starnuti e allergie che non risparmiano proprio nessuno.

Con le temperature un po’ più calde, infatti, ma anche con il tempo instabile e gli sbalzi tra caldo sole e fredde serate si diffondono forme virali di tipo gastrointestinale.

Gli esperti parlano, ahinoi, di un vero e proprio boom di forme di questo tipo, con una forte circolazione in questi giorni soprattutto dell’enterovirus, che colpisce a tutte le età e spesso tutta la famiglia.

Virus di primavera, i sintomi principali

  • scariche di diarrea
  • vomito
  • crampi allo stomaco
  • febbricola

Il contagio si verifica nel momento in cui si entra in contatto con il virus, anche tramite oggetti o alimenti contaminati. Il virus, inoltre, viene propagato dal malato anche prima che i sintomi si manifestano. In genere l’influenza guarisce da sola dopo qualche giorno.

Cosa fare

Ponete tantissima attenzione alla disidratazione e a una corretta alimentazione. In particolare:

Bere molta acqua

Soprattutto se l’influenza intestinale ha colpito bambini o anziani, dato che la diarrea e il vomito fanno perdere una grande quantità d’acqua

Probiotici

Aiutano l’intestino a ristabilirsi, grazie ai batteri buoni ripopolano la flora batterica intestinale. Ne esistono alcuni ceppi più indicati in caso di gastroenterite, ma chiedete sempre consiglio in farmacia o erboristeria

Riposo

Assicuratevi il giusto riposo dato che vomito e diarrea possono rendere particolarmente deboli.

Ovviamente, state alla larga dagli antibiotici. Vi danneggerebbero solo senza risolvere alcunché.

Leggi anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook