Stop Astrazeneca agli under 60, ma cosa fare con il vaccino Johnson&Johnson?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo lo stop annunciato ieri al vaccino AstraZeneca per gli under 60, arriva la circolare del ministero della Salute, con allegato il parere del Cts. Questo vaccino sarà somministrato solo agli over 60. Ma cosa sappiamo sul vaccino Johnson & Johnson?

“Il vaccino Vaxzevria viene somministrato solo a persone di età uguale o superiore ai 60 anni (ciclo completo). Per persone che hanno ricevuto la prima dose di tale vaccino e sono al di sotto dei 60 anni di età, il ciclo deve essere completato con una seconda dose di vaccino a mRNA (Comirnaty o Moderna), da somministrare ad una distanza di 8-12 settimane dalla prima dose”, si legge nella circolare.

Il documento ‘su Aggiornamento parere Cts vaccini,’ firmato dal direttore generale della Prevenzione Sanitaria, Gianni Rezza, e basato sul parere del Comitato tecnico scientifico, nulla dice attualmente sul vaccino Johnson & Johnson, che proprio come Astrazeneca, è a vittore virale, anche se con la differenza di essere monodose.

Come si deve comportare chi ha prenotato per la vaccinazione Janssen e ha meno di 60 anni?

Per ora non ci sono indicazioni specifiche in merito e sicuramente nei prossimi giorni arriveranno comunicazioni più precise.

Locatelli ha spiegato che la frequenza di eventi avversi gravi è minore e in questo momento non è stata presa una decisione in merito, ricordando che J&J utilizza un adenovirus umano, e non di scimpanzé come Astrazeneca.

“Abbiamo ancora un numero di soggetti che è significativamente minore nel Paese, siamo attorno a 1milione 100mila dosi. Credo che il compito del Cts sia fornire tutti questi elementi alla decisione che spetta alla politica, sottolineando le informazioni note e le aree di incertezza”, spiega l’esperto.

Ora, in ogni caso, ogni Regione dovrà adeguare la propria campagna vaccinale. E bisognerà capire se le prenotazioni degli under 60 di Astrazeneca, ma anche di J&J, verranno mantenute (ma i vaccini inoculati sostituiti). O se si dovrà prenotare di nuovo.

In ogni caso il messaggio è chiaro: il Cts ha fortemente raccomandato di destinare ai più giovani i vaccini a mRna, Pfizer e Moderna.

A chi ha meno di 60 anni e deve fare il richiamo Astrazeneca, verranno inoculati Pfizer o Moderna. 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Per suggerimenti, storie o comunicati puoi contattare la redazione all'indirizzo redazione@greenme.it

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook