Ti sottoporresti a un test di salute del cervello per conoscere il tuo rischio di sviluppare una malattia cerebrale?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Uno studio condotto in collaborazione con l’Università di Oslo ha chiesto a dei pazienti di sottoporsi a un test per valutare la salute del cervello, con lo scopo di rivelare se erano a rischio di sviluppare una malattia cerebrale o meno

Se fosse possibile prevedere i rischi di andare incontro in futuro ad una malattia cerebrale come Alzheimer o depressione sottoponendosi a un semplice test, lo faresti? Vorresti conoscere il futuro della tua salute mentale?

L’indagine sulla salute del cervello, The Global Brain Health Survey, fa parte del progetto di ricerca dell’UE Lifebrain nel programma Horizon2020 ed è stata condotta in collaborazione con l’Università di Oslo. Il questionario era disponibile in 14 lingue e le risposte provenivano da partecipanti in 76 paesi.

Il test è stato posto a più di 27.500 persone e i risultati sono stati pubblicati su Frontiers.

I risultati principali sono stati:

  • il 91% degli intervistati farebbe sicuramente o probabilmente un semplice test per conoscere il rischio di sviluppare una malattia del cervello
  • l’86% lo farebbe anche se la malattia non potesse essere prevenuta o curata.

Per la maggior parte delle persone (oltre il 95%) la ragione principale per sottoporsi a un test di salute del cervello è quella di essere in grado di rallentare lo sviluppo di una malattia cerebrale, cercando un aiuto professionale e cambiando il proprio stile di vita se fossero a rischio.

La dott.ssa Rebecca Bruu Carver, autrice principale dello studio presso l’Istituto norvegese di salute pubblica ha dichiarato:

È sorprendente che così tante persone siano disposte a sottoporsi a test per future malattie del cervello, anche se non è sempre possibile ritardarne l’insorgenza o curarle, come il morbo di Alzheimer. Tuttavia, questa scoperta mostra che le persone credono fermamente che lo stile di vita influisca sulla salute del cervello.

Il termine salute del cervello è stato adottato negli ultimi dieci anni. Una buona salute del cervello riguarda il benessere mentale e la capacità di ricordare, imparare, pianificare e concentrarsi.

La salute del cervello è influenzata da varie malattie e disturbi. Uno su tre svilupperà una malattia o un disturbo cerebrale durante la propria vita, come demenza, ictus, morbo di Parkinson, depressione, ansia o schizofrenia. La ricerca mostra che è possibile, in una certa misura, prevenirle attraverso la dieta, l’attività fisica e il sonno.

Leggi anche: Anche il cervello cambia con le stagioni: in autunno e in estate aumenta la cognizione

Lo studio

Ai partecipanti allo studio è stato chiesto di prendere in considerazione un ipotetico test di salute del cervello, che avrebbe raccontato loro il rischio di sviluppare una malattia cerebrale non specificata. Tale test non è attualmente disponibile.

La maggior parte dei partecipanti proveniva dal Regno Unito (37%), dai Paesi Bassi (25%) e dalla Norvegia (13%). La maggior parte aveva più di 40 anni (83%), era donna (71%) o aveva una laurea (71%).

Il 43% dei partecipanti aveva precedentemente preso parte alla ricerca sulla salute del cervello, poiché più della metà degli intervistati era stata reclutata tramite registri di ricerca. Molti erano quindi già interessati alla salute del cervello e il campione non è quindi rappresentativo della popolazione generale.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube 

Fonte: Frontiers

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook