Farmaci all’arnica venduti senza autorizzazione, maxi-sequestro in un’azienda del milanese

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I prodotti a base di arnica erano venduti come cosmetici senza autorizzazione ma vantavano proprietà terapeutiche e rientravano nella categoria dei farmaci

Come conservare al meglio le fragole

I NAS di Milano hanno sequestrato circa 50mila confezioni di prodotti a base di arnica, farmaci venduti senza autorizzazione spacciandoli per cosmetici.

L’operazione è avvenuta nell’ambito di una serie di indagini eseguite dal Nucleo antisofisticazione di Milano in collaborazione con quello di Trento e Firenze.

Le indagini hanno riguardato un’azienda milanese di produzione e vendita di farmaci dove, in seguito a una perquisizione, sono stati trovati farmaci a base di arnica venuti come cosmetici. I prodotti, per un valore totale di 500mila euro, sono stati seuestrati.

L’arnica è un noto rimedio naturale antinfiammatorio, utilizzato in caso di dolori osteoarticolari anche in pomate, unguenti, gel e altri prodotti a uso topico. I prodotti trovati all’interno dell’azienda vantavano le proprietà terapeutiche dell’arnica, ma erano stati immessi in commercio senza le autorizzazioni previste per i farmaci.

Un medicinale è definito dalla normativa come qualsiasi sostanza, o associazione di sostanze, utilizzata o somministrata all’uomo con l’obiettivo di “ripristinare, correggere o modificare funzioni fisiologiche, attraverso un’azione farmacologica, immunologica o metabolica”. Rientrano nella definizione anche le sostanze e le associazioni di sostanze “presentate come avente proprietà curative o profilattiche delle malattie umane”.

Se un prodotto ha o vanta proprietà curative, viene dunque considerato un farmaco e deve pertanto superare varie fasi di sperimentazioni e ricevere un’autorizzazione prima di poter essere venduto.

Un cosmetico, invece, non ha e non deve vantare proprietà terapeutiche e le procedura per immettere in commercio un prodotto cosmetico è molto diversa, più semplice e meno onerosa rispetto a quella prevista per un medicinale.

Per questo motivo, i prodotti sono stati sequestrati e il responsabile dell’azienda è stato deferito all’Autorità Giudiziaria competente.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook