Se tuo figlio ha crampi e diarrea dopo essere stato in piscina, potrebbe essere colpa di questo germe resistente al cloro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non sottovalutare questi sintomi nel tuo bambino perché potrebbero indicare un infezione da parte di un germe resistente al cloro.

Pitture ecologiche e naturali per la casa

Se tuo figlio o tua figlia hanno crampi allo stomaco e diarrea dopo essere stati in piscina, è quasi sicuramente colpa di questo germe resistente al cloro.

Una bella giornata in piscina è quello che ci vuole con questo clima torrido. Facili da raggiungere e senza la folla del mare, sono un ripiego soddisfacente e più facile da inserire nell’arco della giornata. Ci sono, però, alcune cose che devi sapere su di un germe resistente al cloro che può proliferare liberamente nelle piscine.

Mio figlio può ammalarsi per colpa di un germe in piscina?

Anche se il cloro è un elemento in grado di sterminare moltissimi germi, alcuni sono resistenti, o quanto meno resistono ai livelli di cloro che una piscina deve mantenere per poterci nuotare dentro.

Questo è il caso anche del germe che può causare nei tuoi figli:

  • Diarrea
  • crampi allo stomaco
  • nausea
  • vomito
  • febbre

Il suo nome è Cryptosporidium (anche chiamato Crypto per abbreviare) ed è proprio un germe clorino-resistente. In realtà, un quantitativo molto alto di cloro nell’acqua (che crea una situazione chiamata iperclorinizzazione) è in grado di eliminare questo germe dall’acqua. Ciò nonostante, l’elevata concentrazione significa che non è sicuro per gli esseri umani nuotarci dentro. In parole povere, il cloro deve evaporare e la piscina diventa inutilizzabile. Ci sono anche dei trattamenti a luce ultravioletta in grado di eliminare il Crypto.

L’incubazione della malattia dura 10 giorni e i sintomi della Crypto passano in massimo due settimane e senza bisogno di un trattamento specifico, almeno nel caso in cui il bambino abbia un sistema immunitario senza problemi.

Come fa un bambino a venir contagiato dal Crypto?

Sia ai bambini che ai genitori può capitare di bere dell’acqua mentre si nuota in piscina. Questo è proprio il veicolo dell’infezione: anche se il cloro neutralizza moltissimi germi, nel momento in cui ci sono i bagnanti nella piscina questo può portare alla creazione e proliferazione di germi.

Per questo, la prima regola da seguire è NON bere mai l’acqua della piscina. Anche ammettendo che chi la stia usando in quel momento ha un comportamento ineccepibile, è comunque molto dannoso.

Ci sono, comunque, altre regole che puoi seguire:

  • Se è possibile, fai una doccia al tuo bambino prima di andare in piscina per eliminare residui e germi
  • Se è molto piccolo, porta spesso tuo figlio in bagno per evitare incidenti
  • Fai lavare le mani al tuo bambino ogni volta che va in bagno
  • Se è molto piccolo e ha un pannolino da mare, allora cambialo spesso perché può comunque avere delle perdite

Ora che conosci queste regole per evitare un contagio di Crypto, potrai goderti le giornate in piscina con più tranquillità.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando in Letterature e Culture Comparate all'Università dell'Orientale di Napoli. Si occupa di letteratura, sport, cucina e ambiente, collaborando anche con una nota rivista letteraria partenopea.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook