Se hai difficoltà a dormire potrebbe essere anche un segnale di avvertimento di colesterolo alto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono molte le persone che hanno difficoltà ad addormentarsi la notte, ma gli esperti hanno scoperto che potrebbe essere un segnale di colesterolo alto nel sangue. Scopriamo insieme perché sonno e colesterolo alto possono essere collegati.

Sono molte le persone che hanno difficoltà ad addormentarsi la notte, ma gli esperti hanno scoperto che il motivo potrebbe essere un segnale di allarme di colesterolo alto nel sangue. Scopriamo insieme perché.

Ti potrebbe interessare: Sonno premonitore: il modo in cui dormi può essere un campanello di allarme per il colesterolo alto

Il colesterolo alto

Il colesterolo alto è valore che indica la presenza di grasso nel sangue. È causa, inoltre, dell’insorgenza di alcune patologie, come pressione alta, infarti e ictus. Alcune condizioni come l’età, il peso e l’ipertensione o il diabete, possono però contribuire al rischio di colesterolo alto.

Tuttavia, non ci sono sintomi evidenti di colesterolo altro nel sangue e l’unico modo per scoprirlo è attraverso le specifiche analisi del sangue. Esistono però dei campanelli d’allarme come odori fantasma o unghie “schegge” che possono segnalare arterie ostruite proprio dall’eccesso di colesterolo nel sangue. Tra questi anche la difficoltà ad addormentarsi potrebbe essere un sintomo, come hanno dimostrato alcuni studi passati.

Sonno e colesterolo alto

Michael Grandner, direttore del Sleep and Health Research Program presso l’Università dell’Arizona, ha notato tale connessione nel 2014 in uno studio pubblicato sul Sleep Journal.

I pazienti che hanno partecipato allo studio sono stati valutati in base alle loro abitudini di vita, alla durata del sonno e al fatto che russassero o meno.

Sono stati misurati anche i loro livelli lipidici, principali indicatori di livelli di colesterolo buono e cattivo.

È emerso che le persone che dormivano per meno di sei ore ogni notte avevano maggiori probabilità di avere lipoproteine a bassa densità o LDL (Low Density Lipoprotein), conosciute anche come colesterolo “cattivo”.

Proprio perché il colesterolo alto è collegato a malattie cardiache, è ancora più probabile che se si hanno malattie cardiache e problemi ad addormentarsi questo sia collegato a livelli di colesterolo alto e converrebbe sottoporsi ad un esame del sangue specifico.

Come abbassare il colesterolo

Esistono diversi modi per ridurre il colesterolo, tra cui sicuramente quello di seguire una dieta sana ed equilibrata.

Infatti, è consigliabile sostituire gli alimenti ricchi di grassi saturi con frutta, verdura e cereali integrali e tenere d’occhio l’assunzione di grassi trans artificiali presenti negli alimenti trasformati, come biscotti e torte.

È consigliabile anche smettere di fumare e fare esercizio fisico regolarmente.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in sociologia e studentessa in media, comunicazione digitale e giornalismo. Curiosa e creativa, le sue passioni sono la scrittura, gli animali e il buon cibo. La sua lingua madre è il dialetto siciliano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook