Sta tornando la mucca pazza? Cosa sappiamo e i sintomi dell’encefalopatia spongiforme bovina

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tre morti sospette dall'inizio dell'anno, tutte concentrate nella provincia di Grosseto: dopo le smentite, i nuovi esami portano avanti l'ipotesi che potrebbe effettivamente trattarsi del ritorno del morbo della "mucca pazza"

Un uomo di 61 anni sarebbe morto in conseguenza della malattia di Creutzfeldt-Jakob (MCJ), associata anche al morbo della mucca pazza. È quanto emerge dall’autopsia effettuata dagli esperti dell’Ospedale Luca Spallanzani di Roma sul corpo dell’uomo, originario di Grosseto.

La vicenda ha avuto inizio lo scorso 8 maggio, quando l’uomo è morto in circostanze non del tutto chiarite a seguito di una malattia misteriosa. Nella prima metà dell’anno, come riportato da fonti locali, si sono verificati altri due decessi in circostanze simili – sempre nella Maremma grossetana: vittime un uomo di 60 anni e un anziano di 72.

I tre casi non apparivano collegati se non che per la provenienza geografica delle vittime. I primi esami sui tre corpi hanno confermato la malattia di Creutzfeldt-Jakob come causa dei decessi, ma hanno escluso che potesse trattarsi della variante connessa al morbo della mucca pazza: si sarebbe trattato della forma più comune della malattia, le cui cause sono ancora sconosciute, che colpisce uomini fra i 40 e i 70 anni.

Gli esami clinici effettuati dal team dello Spallanzani ribaltano questa ipotesi. Come riposta il quotidiano La Repubblica, il decesso del 61enne di Grosseto è effettivamente legato alla variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob definita della “mucca pazza”.

Attualmente, non esiste ancora una cura per questa malattia che, nella maggioranza dei casi (85%), porta alla morte nei primi due anni dal contagio; solo il 15% dei contagiati sopravvive più di due anni alla malattia. Fra i sintomi più comuni della MJC si menzionano demenza, convulsioni, perdita di memoria e allucinazioni.

Non perderti tutte le altre nostre notizie, seguici su Google News e Telegram

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook