Nuovo richiamo per noto farmaco ipertensivo, controlla il lotto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'azienda farmaceutica Zentiva ha ritirato un lotto del suo Irbesartan Zen (farmaco ipertensivo) è il numero FT074 scad. 6/2023

Nuovo richiamo volontario per un farmaco ipertensivo da parte di un’azienda farmaceutica, la Zentiva, che ha ritirato un lotto del suo Irbesartan Zen.

In un nota, la società Zentiva, ha comunicato il richiamo di un lotto IRBESARTAN ZEN*28CPR 150MG – AIC 041974078. Si tratta del:

  • numero FT074 scad. 6/2023

Il farmaco non è dunque più vendibile e la società DHL Supply Chain SpA si sta occupando del ritiro dalle farmacie di tutte le confezioni che riportano questo lotto. 

L’Irbesartan Zentiva è indicato non solo per il trattamento dell’ipertensione arteriosa essenziale ma anche nella malattia renale per i pazienti adulti ipertesi con diabete di tipo 2, in quanto parte di un trattamento farmacologico antipertensivo.

Se assumete questo farmaco, controllate il lotto e nel caso corrisponda a quello segnalato non utilizzatelo.

È solo di pochi giorni fa un maxi richiamo di farmaci per la pressione alta, in quel caso dell’azienda Sanofi, ritirati in via precauzionale a causa di impurezze oltre i limiti consentiti. Leggi anche: Maxi richiamo farmaci per la pressione alta: contengono impurezze superiori ai limiti, tutti i lotti

E in generale non è certo un buon periodo per i farmaci ipertensivi. Recentemente, infatti, vi abbiamo segnalato anche il ritiro deciso dall’Aifa di un altro farmaco Zentiva, il Losartan, di cui ben 7 lotti sono stati richiamati dal mercato ad ottobre. Leggi anche: L’Aifa ritira noto farmaco contro l’ipertensione: controlla i lotti che presentano impurezze

Sempre il Losartan era finito al centro dell’attenzione dopo il richiamo di Losartan di Teva Italia Srl nel luglio scorso e del Losartan di Sandoz a fine settembre.

In quei casi i richiami erano dovuti ad “impurezze” nel principio attivo non specificate dall’Aifa (ma per l’Autorità sanitaria francese si trattava di cloro azide, sostanza con effetti non ancora noti sulla salute).

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Sportello dei diritti 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook