Bagnanti ricoperti di dolorose (e misteriose) punture sul litorale romano: ecco cosa le provoca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sul litorale romano moltissimi bagnanti sono stati attaccatti da un misterioso insetto, che li ha riempiti di punture, ora si è scoperto il mistero.

Negli scorsi giorni sul litorale romano, da Sant’Agostino fino a Maccarese e Fregene, c’è stata una sorta di epidemia di bubboni pruriginosi, comparsi sulle gambe di moltissimi bagnanti.

Le foto hanno fatto il giro del web perché la causa era ignota a tutti, finché l’Asl Roma, in seguito a un sopralluogo effettuato il 4 luglio dai ricercatori dell’Istituto zooprofilattico sulle spiagge di Sant’Agostino, non hanno scoperto che la colpa era della zanzara tigre. 

Sistemando in loco delle trappole con aspiratori per artropodi ematofagi, gli esperti hanno individuato la presenza di ditteri culicidae, una tipologia di zanzare.

Una volta scoperta la causa, l’Asl Roma 1 ha fornito delle linee guida per non essere punti, suggerendo di indossare pantaloni lunghi di colore chiaro alla sera, dato che questi insetti escono dopo il tramonto e colpiscono le parti basse del corpo, e di adoperare appositi repellenti.

Nuove ispezioni sono comunque previste sul litorale romano per individuare eventuali insediamenti larvali.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

(Foto di repertorio)

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook