La presbiopia non ha più bisogno di occhiali: disponibili negli USA le gocce oculari che fanno effetto in 15 minuti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le gocce VUITY™ sono il primo e unico collirio approvato dall’FDA per la presbiopia e sono ora disponibili nelle farmacie Usa.

Le gocce VUITY™ 1,25% sono il primo e unico collirio approvato dall’FDA statunitense per il trattamento della presbiopia e sono ora disponibili su prescrizione nelle farmacie degli Usa. Un’incredibile svolta per moltissimi uomini e donne di tutto il mondo (sperando che il trattamento venga approvato anche altrove presto).

La presbiopia è un fenomeno legato all’avanzare dell’età che porta progressivamente gli occhi a non focalizzare correttamente le immagini da vicino e che attualmente viene corretto con opportune lenti messe a punto con visita oculistica specialistica. La disfunzione, comunque, tende a peggiorare e quindi per diversi anni è necessario cambiare periodicamente il presidio.

L’FDA, che negli Usa regola l’immissione sul mercato dei farmaci, aveva approvato il trattamento lo scorso ottobre. Ma solo ora il prodotto è effettivamente disponibile in commercio.

Stando a quanto riportato da Allergan (del gruppo Abbvie), la società che produce la gocce, il farmaco è una formulazione ottimizzata di pilocarpina, una consolidata terapia per la cura degli occhi, specificamente progettata per il trattamento della vista da vicino sfocata legata all’età. Viene fornito con la tecnologia proprietaria pHast™, che consente a VUITY™ 1,25% di adattarsi rapidamente al pH fisiologico del film lacrimale.

gocce trattamento presbiopia usa

©Abbvie

Siamo lieti di poter portare sul mercato questo trattamento unico nel suo genere per milioni di americani affetti da presbiopia che potrebbero trarne beneficio – annuncia Jag Dosanjh, vicepresidente senior di Allergan – Questa significativa innovazione nella salute degli occhi correlata all’età riflette il nostro impegno per far progredire la cura della vista e amplia il nostro portfolio di trattamenti per i fornitori di cure oculistiche e i loro pazienti

Tecnicamente, VUITY utilizza la capacità dell’occhio di ridurre le dimensioni della pupilla, migliorando la vista da vicino e intermedia pur mantenendo la visione a distanza. Per ottenere l’effetto è necessario mettere una goccia per occhio ogni giorno e a quanto pare la vista da vicino diventa nitida in 15 minuti.

Quando sono invecchiato, la mia vista è cambiata ed è diventato quasi impossibile vedere chiaramente da vicino senza indossare i miei occhiali – racconta Toni Wright, che ha partecipato alla sperimentazione clinica – Rendermi conto che dovevo iniziare ad usare le lenti mi ha dimostrato quanto fosse importante affrontare questa condizione […] Sono entusiasta che il trattamento sperimentale, identificato come VUITY, sia ora approvato e disponibile come trattamento per gestire la presbiopia

Come tutti i farmaci, comunque, permangono delle controindicazioni e dei possibili effetti collaterali, nonché precise indicazioni di uso. Come riportato sul sito del prodotto, in particolare:

  • sono possibili allergie a uno o più componenti
  • è necessario prestare attenzione quando si guida di notte o si svolgono attività pericolose in condizioni di scarsa illuminazione
  • possono verificarsi problemi temporanei quando si cambia la messa a fuoco tra oggetti vicini e distanti.
  • è necessario rimuovere eventuali lenti a contatto prima dell’uso delle gocce e attendere 10 minuti dopo la somministrazione prima di reinserirle
  • se viene utilizzato più di un farmaco topico per gli occhi, la somministrazione deve avvenire a distanza di almeno 5 minuti
  • gli effetti collaterali più comuni sono mal di testa e arrossamento degli occhi, ma non sono tutti quelli possibili

La società – immaginiamo – punterà ora a far approvare il trattamento anche dall’EMA europea.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonti: Abbvie / Vuity

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook