Coronavirus: arriva il paziente virtuale per evitare test sugli animali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il software è stato messo a punto dai ricercatori dell'Univesità di Catania e potrebbe essere utilizzato per sperimentare farmaci e vaccini

Un paziente virtuale potrebbe evitare la sperimentazione animale necessaria per testare farmaci e vaccini contro il coronavirus.

Per simulare l’infezione da covid e studiare possibili cure potrebbe infatti essere utilizzato un software chiamato Uiss (Universal Immune System Simulator), un progetto tutto italiano messo a punto da un gruppo di ricerca dell’Università di Catania.

Grazie a questo software, già utilizzato in passato per studiare tubercolosi e malattie autoimmuni, è possibile ridurre sensibilmente l’uso di cavie poiché il paziente virtuale consente di scartare farmaci inizialmente promettenti ma che in realtà si rivelano poco efficaci, senza ricorrere a test su animali.

I ricercatori stanno lavorando a un dossier da sottoporre alla task force sull’Innovazione dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA): se l’utilizzo del paziente virtuale dovesse essere approvato dall’EMA, il software potrebbe essere messo a disposizione della comunità scientifica e trovare impiego anche per la sperimentazione di farmaci contro altre patologie, con un enorme risparmio di cavie, oltre che di tempi e costi.

Fonti di riferimento: ANSA/Younipa

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook