Parkinson: studenti inventano uno spazzolino che aiuta le persone che soffrono di tremori

Al centro dell'innovazione, gli studenti si ispirano alla vita quotidiana dei pazienti affetti da Parkinson per creare una soluzione pratica: uno spazzolino ergonomico che ripristina la loro capacità di svolgere un compito semplice ma essenziale.

Il Parkinson è condizione cronica, chiamata neurodegenerativa ed è caratterizzata dalla progressiva scomparsa di alcuni neuroni nel cervello. Secondo il Ministero della Salute, è anche la seconda malattia neurodegenerativa più diffusa, dopo il morbo di Alzheimer. Ora c’è una nuova invenzione che arriva da alcuni studenti di Florence, nel Kentucky, e dà ai pazienti un po’ più di autonomia permettendo loro di lavarsi i denti da soli.

Perché questo spazzolino restituisce autonomia ai pazienti?

Uno dei principali sintomi della malattia di Parkinson è il tremore incontrollabile. Questi tremori, se presenti quotidianamente, impediscono qualsiasi autonomia. Mangiare, lavarsi, vestirsi, perfino leggere, diventano azioni impossibili senza un aiuto esterno. Tutti sanno quanto sia essenziale l’autonomia del paziente.

È quindi da questa osservazione che Reagan Farkas, studente dell’Ignite Institute , ha deciso di progettare un portaspazzolino per aiutare le persone che soffrono di tremori.

Qual è stata l’ispirazione per questi studenti?

Reagan Farkas e altri hanno visitato i residenti di una residenza specializzata, Magnolia Springs. I dibattiti che si svolgono ogni settimana con i malati di Parkinson ispirano gli studenti a credere di poter migliorare la vita dei pazienti e dare loro un po’ di autonomia.

La loro invenzione è stata ispirata da una paziente in fase iniziale, i suoi tremori si sono intensificati dopo la morte del marito, e ha confidato agli studenti che aveva paura di non riuscire più a lavarsi i denti. È quindi questo paziente il punto di partenza della loro invenzione.

L’invenzione: di cosa si tratta

Per aiutare i pazienti a mantenere l’autonomia e permettere loro di continuare a realizzare questa manipolazione, hanno inventato un portaspazzolino che permette di avere un supporto migliore. Basta far scorrere lo spazzolino all’interno in modo che il manico diventi più spesso e quindi più comodo da impugnare e maneggiare.

Inoltre, gli studenti hanno aggiunto una cinghia attraverso la quale i pazienti possono passare la mano. Questo dispositivo impedisce loro di far cadere lo spazzolino o, ad esempio, di colpire le gengive.

I primi prototipi, che puoi vedere in questo video, sono stati testati dagli stessi residenti che hanno tutti convalidato l’ingegnosità di questa invenzione, la quale accende un raggio di speranza nella lotta contro una malattia devastante.

https://www.youtube.com/watch?v=9c2TwthdIC0

Ti potrebbe interessare:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Iscriviti alla newsletter settimanale
Seguici su Facebook