Omicron: se hai febbre o sintomi e il tampone è negativo non fare questo errore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La variante Omicron Ba 5 è attualmente la più diffusa e contagiosa. Oltre a sintomi specifici, questa variante sta causando un ritardo nei risultati dei tamponi, per questo è importante non sottovalutare la sintomatologia

Cosa rende Omicron Ba 5 particolarmente preoccupante è che non solo è una variante ultra-contagiosa, ma se sei stato vaccinato o hai già contratto la malattia potresti non essere protetto da questo nuovo ceppo di Covid-19.

Uno studio pubblicato sul BMJ ad aprile, ha mostrato che il mal di gola e una voce roca erano i segnali più comuni di Omicron rispetto alla precedente variante delta.

Tuttavia, Omicron 5 ha altri sintomi specifici come:

  • febbre o brividi
  • tosse
  • mancanza di respiro o difficoltà di respirazione
  • stanchezza
  • dolori muscolari, come l’insolito dolore alle ginocchia
  • mal di testa
  • mal di gola
  • congestione o naso che cola
  • nausea o vomito
  • diarrea

Leggi anche: Omicron 5: l’insolito sintomo accusato da molti infettati dalla nuova variante

Ma un evento che si sta verificando di recente con la variante BA 5 è che la positività non viene rivelata subito con il primo tampone.

Infatti, dai dati si è notato che molti pazienti nonostante i sintomi sopra elencati non sono risultati positivi al primo tampone; per tale ragione, i medici consigliano di ripeterlo dopo due giorni.

Quindi, ciò che si sta verificando è che le persone potenzialmente positive, vedendo il tampone negativo, non si isolano e questo può portare a un aumento esponenziale dei contagi.

Ma perché i tamponi rilevano la presenza dell’infezione con giorni di ritardo? Al momento la comunità scientifica non ha certezze, ma soltanto delle ipotesi.

Si ritiene che, poiché Omicron 5 colpisce il tratto respiratorio superiore senza intaccare i polmoni, l’accumulo di virus è nettamente inferiore rispetto a Delta. Un’altra ipotesi è la maggiore reattività del sistema immunitario soprattutto nei vaccinati o in chi è stato già contagiato dal virus.

Quindi, il consiglio in caso di sintomi sospetti è di eseguire il tampone più volte a distanza di due giorni e, soprattutto, isolarsi in casa evitando di frequentare luoghi pubblici.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Sul Covid ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook