Nuova terapia intensiva Ospedale San Raffaele, partiti i lavori grazie al crowdfunding dei Ferragnez

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono iniziati i lavori all’Ospedale San Raffaele di Milano per la nuova terapia intensiva grazie alla raccolta fondi lanciata da Fedez e Chiara Ferragni

Sono iniziati i lavori all’Ospedale San Raffaele di Milano per la nuova terapia intensiva. E questo è stato possibile grazie alla solidarietà dimostrata da Chiara Ferragni e Fedez, che qualche giorno fa hanno lanciato una campagna di crowdfunding per sostenere il sistema sanitario in queste settimane particolarmente critiche a causa dell’emergenza coronavirus.

La cifra raccolta attraverso la piattaforma gofundme.com non è affatto indifferente: infatti, è stata superata la quota 4 milioni di euro. Ad aderire alla campagna solidale oltre 196.000 persone e grazie al prezioso loro contributo presto sarà pronta la nuova terapia intensiva da campo per assistere i pazienti con complicazioni.

L’Ospedale San Raffaele ha espresso tutta la sua gratitudine ai Ferragnez e a tutti coloro che hanno risposto all’appello sulla propria pagina Facebook.

“A nome mio e di tutto il personale medico e infermieristico impegnato in questa emergenza voglio ringraziare non solo Chiara e Fedez ma anche ogni singolo donatore. Ci stiamo impegnando con tutte le nostre energie e sapere che tante persone ci supportano ci aiuta a procedere nei nostri sforzi.” – ha dichiarato il professor Alberto Zangrillo, primario dell’unità operativa di Anestesia e Rianimazione Generale e Cardio-Toraco-Vascolare dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano.

Fonti: Facebook/Gofundme

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Per suggerimenti, storie o comunicati puoi contattare la redazione all'indirizzo redazione@greenme.it

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook