Microtia: orecchio ricostruito per la prima volta da cellule vive e stampato in 3D

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'impianto è stato realizzato con successo usado le cellule della paziente e la stampa 3D: in futuro questa tecnica potrebbe essere ulteriormente sviluppata

Un team di chirurghi ha concluso con successo l’impianto del primo orecchio realizzato con cellule umane e stampato in 3D.

L’intervento è stato eseguito su una donna affetta da microtia, un difetto congenito che comporta il mancato o parziale sviluppo di uno o entrambi i padiglioni auricolari esterni.

Secondo il Centers for Disease Control and Prevention, la microtia colpisce circa un bambino ogni 2.000-10.000, soprattutto maschi. La microtia non è di per sé pericolosa o invalidante, ma i bambini possono sviluppare insicurezze e disturbi dell’umore a causa di bullismo e prese in giro.

Fino a oggi, gli interventi correttivi prevedevano l’uso di materiali sintetici o di tessuti prelevati dalle costole del paziente. Questa nuova tecnica sfrutta invece le cellule prelevate dall’orecchio sviluppato, che vengono poi coltivate e inserite in uno stampo. Lo stampo viene realizzato grazie alla scansione dell’orecchio del paziente e usato anche per creare un guscio biodegradabile che sostiene il nuovo tessuto e che poi viene assorbito.

La procedura chirurgica è meno invasiva rispetto all’uso della cartilagine costale per la ricostruzione e l’orecchio impiantato dovrebbe maturare nel tempo, sviluppando l’aspetto e l’elasticità di un orecchio normale.

L’impianto, chiamato AuriNovo, è stato sviluppato dalla società 3DBio Therapeutics e l’intervento chirurgico è stato guidato da Arturo Bonilla, fondatore e direttore del Microtia-Congenital Ear Deformity Institute di San Antonio, in Texas.

Come medico che ha curato migliaia di bambini con microtia da tutto il paese e in tutto il mondo, sono ispirato da ciò che questa tecnologia può significare per i pazienti con microtia e le loro famiglie – ha dichiarato il Dott. Bonilla.

L’intervento è parte di uno studio clinico che coinvolgerà undici pazienti affetti da microtia, allo scopo di valutare la sicurezza e l’efficacia di questa nuova tecnica.

Oltre a curare deformazioni o mancato sviluppo dell’orecchio, questo nuovo tipo di impianto  otrebbe essere utilizzato per condizioni più gravi a carico delle cartilagini, come difetti o lesioni del naso, della colonna vertebrale, delle articolazioni.

In futuro potrebbe essere usato anche per ricostruire il tessuto mammario o di organi molto complessi come fegato, reni o pancreas, per trapianti salvavita.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte di riferimento: 3DBio

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook