Il tuo intestino è in salute? 7 segnali che ti invia il tuo secondo cervello quando non sta lavorando bene

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quando il nostro intestino non è in salute, il corpo può inviarci alcuni segnali chiari che è bene non ignorare. Scopriamoli insieme.

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

Ognuno di noi ha trilioni di batteri che vivono nell’intestino, alcuni sono cattivi poiché causa di malattie, ma in realtà ve ne sono altri che possiamo definire essenziali per mantenerci in forma e in salute. Batteri e altri microbi (compresi funghi e virus) vivono nelle nostre viscere, e svolgono un ruolo fondamentale nella digestione, nella funzione immunitaria e nella regolazione del peso.

Uno squilibrio di questi porta a un intestino malsano, che può creare una serie di problemi nella nostra vita quotidiana. Fortunatamente, ci sono modi per tenere sotto controllo la salute dell’intestino, compresi alcuni semplici cambiamenti nella dieta; ecco alcuni segnali che indicano che potresti avere un intestino non in salute. (Leggi anche: Intestino secondo cervello: perché?)

Stomaco sottosopra

Un intestino sbilanciato può avere più difficoltà a elaborare il cibo ed eliminare gli scarti alimentari. Ciò significa che se il tuo intestino è “sottosopra” potresti spesso soffrire di gonfiore addominale, gas e bruciore di stomaco. Inoltre, è probabile che ciò influisca sui movimenti intestinali, il che significa che potresti avvertire stitichezza o al contrario diarrea.

Continua voglia di zuccheri

Mangiare cibi ricchi di zuccheri, e molti cibi trasformati può ridurre i livelli di batteri buoni nell’intestino; ciò porta a uno squilibrio che a sua volta può farti sentire continue voglie di zucchero, che possono danneggiare ulteriormente il tuo intestino. Elevate quantità di zuccheri raffinati, infatti, sono state collegate a un aumento dell’infiammazione, che a sua volta può anche aumentare il rischio di una serie di malattie gravi, compresi i tumori.

Cambiamenti di peso non intenzionali

Se aumenti o perdi peso involontariamente, senza apportare modifiche alla tua dieta o ai livelli di attività, questo potrebbe essere un segno di un intestino non in salute. Un intestino squilibrato può compromettere la capacità del tuo corpo di assorbire i nutrienti, regolare gli zuccheri nel sangue e persino immagazzinare grasso.

Questo può portare all’insulino-resistenza o al bisogno di mangiare troppo a causa della mancanza di nutrienti, con un conseguente aumento di peso. D’altra parte, un intestino scombussolato può causare una perdita di peso dovuta alla crescita eccessiva di batteri dell’intestino tenue.

Disturbi del sonno o stanchezza costante

L’insonnia o semplicemente il sonno scarso possono essere causati da un intestino malsano; questo a sua volta può portare a stanchezza cronica. La maggior parte della serotonina, l’ormone che influenza l’umore e il sonno, viene prodotta nell’intestino; ciò significa che uno squilibrio intestinale può influire sulla capacità di riposare adeguatamente, e persino provocare sbalzi o cambiamenti d’umore. (Leggi anche: Dormi male? La colpa potrebbe essere (anche) del tuo intestino)

Irritazione della pelle

Un intestino non in salute può anche avere un impatto sulla pelle; infatti, condizioni come l’eczema possono essere collegate a una cattiva salute intestinale. L’infiammazione causata da una dieta scorretta o persino da allergie alimentari può far sì che il corpo “perda” alcune proteine ​​a una velocità maggiore e, a sua volta, questo meccanismo può irritare la pelle e causare condizioni come l’eczema.

Condizioni autoimmuni

Un intestino che non funziona bene può aumentare l’infiammazione sistemica, e alterare il corretto funzionamento del sistema immunitario. Questo può portare a malattie autoimmuni, in cui il corpo attacca se stesso invece degli “invasori”.

Intolleranze alimentari

Le intolleranze alimentari possono avere un enorme impatto sulla vita quotidiana. Cosa succede in questo  caso? Il corpo ha difficoltà a digerire determinati alimenti. Le intolleranze, però, sono diverse dalle allergie alimentari che sono causate da una reazione nel sistema immunitario quando vengono consumati determinati alimenti. Nel caso di intolleranza, invece, si possono verificare sintomi spesso spiacevoli, come gonfiore, gas, diarrea, dolore addominale e nausea.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Ti potrebbe interessare:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook