Scienziati hanno appena scoperto come l’inquinamento atmosferico innesca il cancro ai polmoni nei NON fumatori

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo un team di ricercatori anche i non fumatori sono a rischio di cancro ai polmoni, e tutto sarebbe connesso all'inquinamento atmosferico. Secondo la ricerca, infatti, nonostante il fumo rimanga la causa principale del cancro ai polmoni, l'esposizione allo smog può aumentare il rischio anche nei non fumatori

Scienziati britannici affermano di aver finalmente identificato come l’inquinamento atmosferico può innescare il cancro ai polmoni nei non fumatori.

Le loro scoperte rivelano come minuscole particelle prodotte dai veicoli a motore a combustione promuovano la crescita delle cellule polmonari, che ospitano mutazioni cancerogene.

La ricerca aiuta a spiegare perché così tanti non fumatori sviluppano il cancro ai polmoni, e potrebbe fornire indizi per impedire loro di sviluppare la malattia.

I risultati, che non sono stati ancora pubblicati in una rivista peer-reviewed, sono stati presentati sabato alla conferenza annuale della Società europea di oncologia medica a Parigi.

Il professor Charles Swanton, che ha guidato lo studio al Francis Crick Institute e all’University College London (UCL) ha affermato che:

Le cellule con mutazioni cancerogene si accumulano naturalmente con l’età, ma normalmente sono inattive. Abbiamo dimostrato che l’inquinamento atmosferico risveglia queste cellule nei polmoni, incoraggiandole a crescere e potenzialmente a formare tumori. Il meccanismo che abbiamo identificato potrebbe alla fine aiutarci a trovare modi migliori per prevenire e curare il cancro ai polmoni nei non fumatori. Se riusciamo a fermare la crescita delle cellule in risposta all’inquinamento atmosferico, possiamo ridurre il rischio di cancro ai polmoni.

Gli scienziati hanno anche riscontrato tassi più elevati di altri tipi di cancro in aree con alti livelli di particelle fini.

Lo studio

I ricercatori ipotizzano che l’inquinamento atmosferico possa promuovere la crescita di cellule portatrici di mutazioni cancerogene in altre parti del corpo, innescando così le prime fasi di molti diversi tipi di cancro.

La ricerca è stata finanziata da Cancer Research UK come parte di più ampi sforzi per capire come inizia e si evolve il cancro ai polmoni, nella speranza di trovare nuovi trattamenti per la malattia.

Il fumo rimane la principale causa di cancro ai polmoni, ma nel 2019 circa 300.000 decessi in tutto il mondo sono stati attribuiti all’esposizione al PM2,5, minuscole particelle che si trovano nei fumi delle auto.

L’inquinamento atmosferico è stato collegato a una serie di altri problemi di salute, tra cui l’asma, la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), le malattie cardiache e la demenza. Come provoca il cancro nelle persone che non hanno mai fumato è stato a lungo un mistero.

Secondo gli scienziati le particelle di PM2,5 causano infiammazione nei polmoni e “risvegliano” le cellule normalmente dormienti che portano mutazioni cancerogene, facendole crescere senza controllo e formando tumori.

Il team ha esaminato un tipo specifico di cancro del polmone, chiamato cancro del polmone mutante del recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR). Le mutazioni nel gene EGFR si trovano comunemente nel cancro del polmone in persone che non hanno mai fumato.

I ricercatori hanno esaminato i dati di oltre 400.000 persone in Inghilterra, Corea del Sud e Taiwan, confrontando i tassi di cancro del polmone mutante EGFR in aree con diversi livelli di inquinamento da PM2,5.

Hanno trovato tassi più elevati di cancro del polmone mutante EGFR – così come tassi più elevati di altri tipi di cancro – nelle persone che vivevano in aree con livelli più alti di inquinamento atmosferico.

Il dott. William Hill, ricercatore presso il Francis Crick Institute, e co-autore dello studio ha affermato:

Trovare modi per bloccare o ridurre l’infiammazione causata dall’inquinamento atmosferico farebbe molto per ridurre il rischio di cancro ai polmoni nelle persone che non hanno mai fumato.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Fonte: The Francis Crick Institute

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook