Questa ragazza che convive con il linfedema e sogna le Paralimpiadi lancia un messaggio importante ai giovani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo la diagnosi di linfedema a 13 anni, Didi ha dovuto dire addio all'atletica e subire i commenti offensivi dei compagni. Ma ora qualcosa sta cambiando nella sua vita

Didi Okoh, studentessa diciannovenne dell’università di Birmingham, ha ricevuto la diagnosi di linfedema nel 2016, quando aveva solo 13 anni. Da allora è costretta a vivere con una gamba sempre gonfia e dolorante, perennemente fasciata – ma questo non ha spento la sua passione per lo sport e il suo travolgente entusiasmo.

Il linfedema è una condizione patologica rara che affligge gli arti (superiori o inferiori): a causa di questa malattia, i liquidi corporei si accumulano nei tessuti provocando gonfiore e dolore. Purtroppo non esiste ancora un trattamento risolutivo per questa malattia, ma soltanto terapie che possono alleviarne le conseguenze più gravi – come linfodrenaggi, bendaggi con garze elastiche, pressoterapia.

Didi ha sempre praticato sport, sin da quando era piccola. All’età di 12 anni, durante gli allenamenti di atletica leggera, un’amica le ha fatto notare che una gamba sembrava più grossa dell’altra. In un primo momento si è ipotizzato un gonfiore passeggero, dovuto alla sollecitazione dei muscoli. Solo dopo un anno è arrivata la diagnosi di linfedema.

Gli anni che sono seguiti non sono stati facili per la ragazza, che ha dovuto rinunciare alla promettente carriera sportiva e subire le prese in giro e gli atti di bullismo da parte dei suoi compagni di scuola, che la chiamavano “quella con la gamba a tronco d’albero”. Anche la ricerca di pantaloni che potessero adattarsi alle diverse dimensioni delle sue gambe è stata spesso fallimentare e non ha fatto che acuire il senso di frustrazione di Didi.

Ora, per fortuna, quel momento brutto è passato: Didi ha imparato ad accettare la sua malattia e a convivere con essa in modo sereno, incurante dei commenti negativi delle persone. Ha aperto un canale TikTok in cui parla di sé e della sua convivenza con il linfedema ma, soprattutto, ha ripreso a fare sport con l’obiettivo di partecipare ai Giochi Paralimpici.

L’obiettivo di Didi è quello di sensibilizzare il mondo dei social (in particolare, gli haters sempre pronti a rivolgere commenti al vetriolo nei confronti di chi è diverso da loro) verso l’accettazione delle diversità e degli handicap, ma anche quello di spronare le persone che si trovano in una condizione di menomazione ad accettarsi per quello che sono e ad andare oltre i propri limiti.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: TikTok / Birmingham World

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in lingue straniere, vegana da 3 anni, scrivere è la mia passione e collaboro con diverse testate su temi a me cari come natura, sostenibilità, stili di vita sani e rispettosi dell’ambiente. Sul mio blog “La strega che scrive” parlo di giornalismo, editoria e letteratura

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Facebook