Gelosia e ansia aumentano il rischio Alzheimer nelle donne

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sensazioni ed emozioni come ansia, gelosia e nervosismo, vissute per lunghi periodi comporterebbero nelle donne, a detta di una nuova ricerca, maggiori rischi di ammalarsi di Alzheimer

Siete donne gelose, soggette agli sbalzi di umore o vi fate prendere con facilità dall’ansia e dal nervosismo? Ebbene queste sensazioni potrebbero mettervi maggiormente a rischio di sviluppare l’Alzheimer arrivate ad una certa età, a sostenerlo una ricerca dell’Università di Göteborg in Svezia.

Lo studio, condotto da un team guidato da Lena Johannsson e pubblicato su Neurology, ha preso a campione 800 donne (che mediamente avevano 46 anni) seguite per ben 38 anni attraverso test della personalità e altre analisi cognitive e mnemoniche.

Era previsto anche un questionario in cui le partecipanti dovevano indicare, utilizzando come scala di riferimento un numero da 1 a 5, se avevano vissuto periodi di stress di almeno un mese e con quale intensità.

Nel corso degli anni monitorati, il 19% delle donne ha sviluppato l’Alzheimer. Secondo i risultati ottenuti dai ricercatori, ad essere maggiormente a rischio erano proprio le donne troppo umorali e in particolare quelle che tendevano ad isolarsi di più e ad essere generalmente meno socievoli. Esse corrispondevano a coloro che nel questionario sullo stress avevano espresso un punteggio da 3 a 5 e che quindi avevano vissuto lunghi e intensi periodi di stress (per motivi di salute, lavoro, amore, ecc.).

Dunque secondo la dottoressa Johannsson: “la personalità può influenzare il rischio individuale per la demenza attraverso il suo effetto sul comportamento, lo stile di vita o le reazioni allo stress”.

Questa ricerca conferma quindi quanto sia importante imparare a gestire le proprie emozioni e lo stress per evitare che non solo il cervello ma anche il resto dell’organismo possa risentirne.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

Stress: nelle donne di mezza eta’ aumenta il rischio di demenza

Dieta mediterranea: allontana Alzheimer e demenza meglio dei farmaci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook