Perché i fagioli gonfiano? I trucchi che non conosci per evitare l’aria nella pancia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si sa, i fagioli tendono a gonfiare ma sapete perché? Scopriamo i motivi e i trucchi che ci aiutano a evitare l'aria nella pancia.

Ecco il carrello smart per la spesa

Perché i fagioli gonfiano? Te lo sei mai chiesto? Dipende dagli oligosaccaridi (raffinosio e stachiosio) in essi contenuti, che il corpo fatica a digerire per mancanza di enzimi specifici e che, quindi, raggiungono integri l’intestino, dove vengono attaccati dalla flora batterica.

Il problema è che la fermentazione batterica produce gas di scarto e così, dopo averli mangiati, ci sentiamo gonfi e predisposti alla flatulenza, che impedisce al gas di accumularsi nel corpo. 

Ma esiste un modo per evitare l’accumulo di aria nella pancia? Ebbene sì, ci sono alcuni trucchi a prova di gonfiore. Eccoli elencati di seguito. 

Introduci gradualmente i fagioli nella dieta

Mangia pure i fagioli ma se non vuoi gonfiarti troppo, introducili gradualmente nella tua dieta, alternandoli con altri alimenti. Puoi iniziare con 1 o 2 dosi a settimana, aumentandole man mano nel corso del tempo. In questo modo la microflora intestinale avrà il tempo di adattarsi agli oligosaccaridi favorendo una migliore digestione.  

Metti in ammollo i fagioli per almeno 12 ore

I pareri sono discordanti ma sembrerebbe, secondo questo studio, che lasciare i fagioli in ammollo durante la notte, per almeno 12 ore, li renda più digeribili. I ricercatori, per dimostrarlo, hanno lasciato in ammollo i fagioli sia in acqua che in una miscela di acqua e bicarbonato, per 6 o 12 ore.

In entrambe le soluzioni, nei fagioli rimasti immersi per 12 ore, erano scomparsi i composti legati alla produzione di gas. Secondo lo studio, quindi, l’immersione in acqua per tempi lunghi aiuterebbe a contrastare il gonfiore. Ma occhio a non utilizzare la stessa acqua per cuocerli, va buttata o semmai riciclata per bagnare l’orto. Inoltre è buona abitudine cambiare l’acqua di ammollo diverse volte. 

Aggiungi all’acqua di cottura un pezzetto di alga kombu

L’aggiunta di un pezzetto di alga kombu all’acqua di cottura, ma anche di eventuali erbe e spezie (alloro, menta, origano, basilico ecc.), rende tendenzialmente più digeribili i fagioli, e in generale i legumi. Da provare!

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook