Se mangi due porzioni di pesce a settimana potresti aumentare il rischio di sviluppare questo cancro mortale (probabilmente per colpa dei contaminanti)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una recente ricerca ha individuato come consumare circa 300 g a settimana di pesce sia connesso a un rischio maggiore di sviluppare il melanoma maligno, una forma letale di cancro alla pelle

Secondo uno studio, mangiare due porzioni di pesce a settimana è stato collegato a un aumento del rischio di cancro della pelle.

I ricercatori hanno rivelato che due porzioni settimanali potrebbero mettere le persone a rischio di contrarre il melanoma maligno, la forma più letale di cancro della pelle.

Leggi anche: Cosa c’è davvero nel pesce che mangiamo? Scoperti 58 contaminanti farmaceutici in gamberi, granchi e piccoli pesci

Lo studio

Lo studio della Brown University ha rilevato che le persone la cui assunzione giornaliera tipica di pesce era di 42,8 g (circa 300 g a settimana) avevano un rischio maggiore del 22% di melanoma maligno rispetto a quelle che assumevano solo 3,2 g.

Lo studio ha anche scoperto che coloro che mangiavano più pesce avevano il 28% in più di probabilità di sviluppare cellule anormali solo nello strato esterno della pelle.

La ricerca ha coinvolto 491.367 adulti negli Stati Uniti di età intorno ai 62 anni, che hanno riferito di quanto spesso consumavano pesce fritto, pesce non fritto e tonno, nonché le dimensioni delle porzioni.

I ricercatori hanno quindi calcolato la frequenza dei casi di melanoma che si sono sviluppati in un periodo di 15 anni, utilizzando i dati ottenuti dai registri del cancro.

Hanno preso in considerazione altri fattori che potrebbero influenzare i risultati come il peso, la storia di fumo e alcol, nonché l’eventuale presenza di una storia familiare di cancro.

L’1% delle persone ha sviluppato un melanoma maligno mentre lo 0,7% ha sviluppato un melanoma in stadio 0.

Sebbene non sia stato riscontrato alcun legame significativo tra il consumo di pesce fritto e il cancro della pelle, mangiare 17,8 g di pesce non fritto al giorno era associato a un rischio elevato del 18% di melanoma maligno e del 25% in più di melanoma allo stadio 0, rispetto al mangiarne solo 0,3 g.

Anche le persone che assumevano 14,2 g di tonno al giorno anziché 0,3 g presentavano un rischio maggiore del 20%.

L’autore Eunyoung Cho ha affermato:

Ipotizziamo che i nostri risultati potrebbero essere attribuiti a contaminanti nei pesci, come bifenili policlorurati, diossine, arsenico e mercurio.

Tuttavia, il dottor Michael Jones, scienziato senior del personale in genetica ed epidemiologia presso l’Institute of Cancer Research, ha affermato che è possibile che le persone che mangiano più pesce o tonno non fritti abbiano altre abitudini di vita che aumentano il rischio di melanoma.

E ha continuato:

Gli autori ipotizzano che l’associazione possa essere dovuta a contaminanti nei pesci, ma non hanno misurato i livelli di questi contaminanti nei partecipanti.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Fonte: PubMed

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook