Dormire con le lenti a contatto. Quali conseguenze?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le lenti a contatto sono indubbiamente pratiche e comode ma vanno utilizzate sempre con attenzione e con il massimo dell’igiene. Fondamentale ad esempio non dimenticarsi di toglierle prima di andare a dormire per evitare infezioni che possono provocare, a lungo andare, gravi conseguenze agli occhi.

Ecco il carrello smart per la spesa

Le lenti a contatto sono indubbiamente pratiche e comode ma vanno utilizzate sempre con attenzione e con il massimo dell’igiene. Fondamentale ad esempio non dimenticarsi di toglierle prima di andare a dormire per evitare infezioni che possono provocare, a lungo andare, gravi conseguenze agli occhi.

Il CDC americano (Centers for Disease Control and Prevention) ha presentato un report sull’argomento e lanciato l’allarme sul potenziale pericolo a cui si espone chi dorme con le lenti a contatto. Addirittura in casi limiti vi è rischio di perdere la vista. Ciò è dovuto al fatto che tenere troppo a lungo, e soprattutto di notte mentre ci si riposa, le lenti a contatto espone maggiormente al rischio di infezioni.

Leggi anche: LENTI A CONTATTO: 7 COSE DA SAPERE PRIMA DI UTILIZZARLE
Secondo gli esperti, un quinto delle infezioni correlate all’utilizzo delle lenti a contatto portano danni agli occhi e dormire con le lenti aumenta il rischio di contrarre queste infezioni fino ad otto volte così come indossarle più del tempo consigliato, lavarle con acqua di rubinetto o utilizzarle mentre si nuota.

In sostanza non vi sono grosse preoccupazioni o rischi se si utilizzano le lenti a contatto come consigliato da ottici e oculisti, maneggiandole con il massimo dell’igiene. I ricercatori hanno evidenziato infatti come la maggior parte delle infezioni sia causato da scarsa igiene o pigrizia da parte di chi le indossa.

L’uso non corretto delle lenti può portare alla comparsa di diversi problemi più o meno gravi: dalle banali congiuntiviti a danni alla cornea, diminuzione della vista e nei casi più gravi addirittura alla cecità. I funzionari della sanità degli Stati Uniti hanno analizzato le relazioni presentate dagli oculisti riguardo all’utilizzo di lenti a contatto nell’arco di 10 anni (2005-2015). Si è visto così che su 1.075 segnalazioni di infezioni corneali quasi il 20% delle persone aveva subito cicatrici o danni importanti che in alcuni casi avevano rischiesto la necessità di un trapianto.

LEGGI anche: CONGIUNTIVITE: 10 RIMEDI NATURALI

Una percentuale piccola che deve però ricordare a tutti gli altri quanto sia importante maneggiare e utilizzare con un certo criterio questi strumenti tanto comodi e utili.


Tre le raccomandazioni della CDC in merito all’utilizzo delle lenti a contatto:
1) Non dormire con le lenti a contatto

2) Non mischiare una vecchia soluzione per lenti con una nuova (in questo caso si può abbassare il potere antibatterico della soluzione).

3) Sostituire le proprie lenti a contatto secondo le indicazioni raccomandate dall’oculista.

Gli esperti suggeriscono inoltre di fare attenzione alla comparsa di eventuali sintomi come arrossamenti ed irritazioni. Nel caso è bene smettere subito di indossare le lenti e farsi visitare quanto prima da un esperto.

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook