Doppia mascherina, contrordine! Il supercomputer giapponese dimostra che non è così efficace

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Indossare due mascherine darebbe un beneficio limitato nel bloccare la diffusione dei virus rispetto a una sola mascherina.

Indossare due mascherine una sopra all’altra darebbe un beneficio limitato nel bloccare la diffusione dei virus rispetto a una sola mascherina adeguatamente applicata. È la conclusione cui è giunto Fugaku, il computer più veloce al mondo che già mesi fa aveva smontato l’utilità delle visiere di plastica.

Ora, altre simulazioni sono arrivate a contraddire le recenti raccomandazioni dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (i CDC), secondo cui due maschere erano migliori di una nel ridurre l’esposizione di una persona al nuovo coronavirus.

Leggi anche: Indossare due mascherine ci protegge davvero di più?

I ricercatori hanno utilizzato il supercomputer Fugaku per modellare il flusso di particelle virali da persone che indossano diversi tipi e combinazioni di maschere, secondo lo studio pubblicato da Riken e da Kobe University.

L’uso di una singola maschera di tipo chirurgico, realizzata in materiale non tessuto, ha avuto l’85% di efficacia nel bloccare le particelle se indossata strettamente intorno al naso e al viso. L’aggiunta di una maschera in poliuretano sulla parte superiore ha aumentato l’efficacia a solo l’89%.

studio doppia mascherina

©Riken/Handout

Le prestazioni del doppio mascheramento semplicemente non si sommano”, hanno scritto i ricercatori guidati da Makoto Tsubokura.

In generale, dalle analisi è emerso che le maschere N95 erano le migliori nella protezione contro le infezioni, seguite da maschere in tessuto non tessuto, maschere in tessuto e infine tipi di poliuretano.

Fonti: Japan Times / Riken R-CCS – Center for Computational Science

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook