Diabete: quest’olio vegetale abbassa l’iperglicemia e i livelli di zucchero nel sangue del 30%

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo una nuova ricerca un olio può aiutare ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue in poche settimane

Non conservare così l'avocado: è pericoloso

Secondo una nuova ricerca un olio può aiutare ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue in poche settimane

Il diabete è indissolubilmente legato all’obesità, che si ritiene sia una delle cause principali dietro i tassi crescenti di questa malattia. I sintomi generalmente includono sete eccessiva, perdita di peso inspiegabile e fame estrema; fortunatamente, la dieta può aiutare a tenere a bada questa malattia. I ricercatori ritengono, infatti, che assumere determinati alimenti possa offrire risultati promettenti. Uno di questi è la crusca di riso, che ha dimostrato di abbassare i livelli di zucchero nel sangue del 30%.

Le complicazioni per la salute associate al diabete sono diverse e anche gravi, con casi estremi che portano all’amputazione e all’infarto. La resistenza all’insulina è fondamentale per gestire la glicemia, perché abbassa i livelli di glucosio trasportandolo alle cellule, dove viene convertito in energia. Un nuovo studio suggerisce che i prodotti a base di crusca di riso possono mantenere in equilibrio i livelli di zucchero nel sangue, migliorando anche la resistenza all’insulina.

Lo studio

I ricercatori hanno scoperto che l’integrazione con prodotti derivati ​​dalla crusca di riso possono apportare cambiamenti significativi ai livelli di zucchero nel sangue nei pazienti con diabete di tipo 1 e di tipo 2. I risultati, pubblicati sul Journal of Nutritional Biochemistry, hanno mostrato che i prodotti derivati ​​dall’olio di crusca di riso potrebbero abbassare i livelli di zucchero nel sangue del 30%; nello specifico questo olio può ridurli del 30% per il diabete di tipo 1 e del 20% per i diabetici di tipo 2.

Lo studio ha coinvolto 57 soggetti ai quali hanno ridotto la dose giornaliera di farmaci dal 30% al 60%, semplicemente aggiungendo alla loro dieta quotidiana derivati ​​speciali dell’olio di crusca di riso. Anche se non tutti i soggetti sono stati in grado di ridurre i loro farmaci iperglicemici, tutti i pazienti sono stati in grado di mantenere un livello di glucosio nel sangue più basso rispetto al gruppo che ha assunto un placebo. Non solo è stata riscontrata una diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue, ma anche un abbassamento dei livelli di trigliceridi e apolipoproteina B.

La crusca di riso ha una serie di proprietà benefiche per i diabetici; estratta dallo strato esterno del riso, noto come strato di crusca, si ritiene che riduca l’emoglobina glicosilata e aumenti i livelli di insulina. Ulteriori ricerche pubblicate sull’American Journal of Medicine fanno eco a questi risultati, affermando che un derivato oleoso della crusca di riso offre risultati promettenti se combinato con l’olio di sesamo.

I ricercatori hanno notato che una miscela del 20% di olio di sesamo non raffinato spremuto a freddo e dell’80% di olio di crusca di riso raffinato come olio da cucina, ha ridotto l’iperglicemia e migliorato il profilo lipidico nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

Ulteriori modi per gestire la glicemia includono un’adeguata idratazione e un regolare esercizio fisico, così come evitare i carboidrati semplici perché il corpo li scompone in zucchero, che può utilizzare come energia. Infine, una dieta adeguata dovrebbe comprendere principalmente cibi con un indice glicemico basso.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: NCBI

Sul diabete ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook