Diabete: l’erba che abbassa la glicemia e riduce lo zucchero nel sangue del 29%

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una nuova ricerca ha individuato una pianta in grado di tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue e ridurre le voglie di dolce

Una nuova ricerca ha individuato una pianta in grado di tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue e ridurre le voglie di dolce

Il diabete è una patologia grave che può portare ad altri problemi di salute, anche senza evidenti segnali di avvertimento. I principali pericoli risiedono nella deregolamentazione della glicemia, che danneggia il corpo. Fortunatamente, alcuni prodotti alimentari possono ridurla e scongiurare del tutto la malattia.

Il diabete si verifica quando il corpo diventa desensibilizzato all’insulina, oppure quando addirittura la produzione dell’ormone cessa; in entrambi i casi, la caratteristica generale della condizione è l’alto livello di zucchero nel sangue. Questa patologia può essere suddivisa in diverse forme, ma è quello di tipo 2 che affligge circa il 90% dei pazienti; poiché è indissolubilmente legato all’obesità, il mantenimento di un peso sano è considerato una delle misure preventive più efficaci. 

I trattamenti comunemente usati possono generalmente essere suddivisi in tre categorie: inibitori dell’assorbimento dei carboidrati, sensibilizzanti dell’insulina e agenti ipoglicemizzanti. L’obiettivo principale del trattamento è mantenere i livelli di zucchero entro un intervallo di sicurezza, e alcuni ingredienti naturali sono in grado di fornire questi effetti. 

Uno di questi è la Gymnema Sylvestre un sensibilizzante dell’insulina, che è stato studiato nei pazienti con diabete. La pianta è un arbusto legnoso originario dell’India, dove veniva utilizzato nelle pratiche medicinali ayurvediche.

Il rimedio è tradizionalmente usato per curare la malaria e i morsi di serpente, ma recentemente è stato riconosciuto per le sue qualità anti-diabetiche; gli studi dimostrano che questa pianta riduce la quantità di zucchero che viene assorbita nell’intestino, il che aiuta a migliorare i livelli di glucosio nel sangue.

Lo studio che conferma ciò ha evidenziato gli effetti dell’estratto di Gymnema su un campione di 22 pazienti, ottenendo risultati positivi. I risultati hanno mostrato come 5 dei 22 pazienti diabetici sono stati in grado di interrompere il loro farmaco convenzionale, e mantenere l’omeostasi della glicemia con il solo GS4. In più, le persone con diabete di tipo 2 che hanno consumato 400 mg di estratto di foglie di Gymnema al giorno per 18-20 mesi, hanno subito un calo del 29% della glicemia a digiuno.

Inoltre, i livelli di A1C, un’emoglobina chimicamente legata allo zucchero, sono diminuiti dall’11,9% all’inizio dello studio all’8,48%. La ricerca mostra che la vite contiene un composto chiamato acido gymnemico, che sopprime il sapore dello zucchero. Si ritiene che questo sia utile nel trattamento del diabete perché ostacola le voglie di dolce, riducendo così la velocità con cui lo zucchero e il grasso vengono assorbiti nel corpo.

Questa duplice azione può aiutare a curare l’obesità, il diabete e il colesterolo alto. Le proprietà di alterazione del gusto della pianta sono state attribuite al composto attivo dell’arbusto, l’acido gymnemico, che è in grado di sopprimere i sapori dolci senza alterare la percezione degli altri sapori; questi effetti si attivano entro 30 secondi e durano fino a mezz’ora.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Wiley Online Library

Sul diabete ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.