Covid-19: confermati gli effetti collaterali che possono provocare iperglicemia, insulino-resistenza e diabete

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una recente ricerca ha dimostrato l'esistenza di un legame tra Covid-19 e diabete. Secondo i ricercatori il virus SARS-CoV-2 è in grado di alterare la segnalazione dell'insulina nel polmone, nel fegato, nel tessuto adiposo e nelle cellule pancreatiche

Tra Covid e diabete vi è un legame molto stretto: questo è quanto è emerso da un nuovo studio condotto da ricercatori giapponesi.

Il Covid-19 può causare danni multipli agli organi e anomalie metaboliche come iperglicemia, insulino-resistenza e nuova insorgenza di diabete.

L’obiettivo di questo studio era di indagare se l’infezione da SARS-CoV-2 abbia un’associazione diretta con lo sviluppo del diabete. E secondo gli scienziati la risposta è sì.

Leggi anche: Omicron 5: quanto durano i sintomi, l’incubazione e la positività?

Lo studio

I ricercatori hanno analizzato come il Covid influisca sulla regolazione della glicemia, analizzando i dati di pazienti infettati dal virus respiratorio.

Secondo i dati riportati dal team di ricerca, il virus è in grado di interferire con la segnalazione dell’insulina; come? Per gli scienziati l’infezione da Sars-CoV-2 riesce ad attivare il gene IRF1, ossia quello che codifica il fattore regolatore dell’interferone 1, una proteina prodotta naturalmente dalle cellule in risposta a infezioni e infiammazioni.

I ricercatori hanno scoperto che l’infezione da SARS-CoV-2 ha alterato i geni della via di segnalazione dell’insulina nel polmone, nel fegato, nel tessuto adiposo e nelle cellule pancreatiche. Anche se non è chiaro in che modo questo avvenga.

Iichiro Shimomura, autore dello studio, ha affermato che:

L’infezione da SARS-CoV-2 ha influenzato l’espressione dei componenti della via di segnalazione dell’insulina e dell’IGF-1 nel polmone, nel fegato, nel tessuto adiposo e nelle cellule pancreatiche. Le vie di segnalazione dell’insulina e dell’IGF-1 sono elementi chiave nella regolazione del metabolismo energetico e della sopravvivenza cellulare.

Inoltre, i dati hanno mostrato che i pazienti più critici affetti dal virus avevano un’espressione IRF1 più elevata e geni della via di segnalazione dell’insulina e IGF più bassi.

Questo sta a evidenziare in modo più chiaro perché gli anziani, gli obesi e i pazienti diabetici risultano essere molto più vulnerabili al Covid-19.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Fonte: ScienceDirect

Sul Covid ti potrebbe interessare:

Sul diabete ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook